VITERBO – “Ci risiamo: mentre il presidente del Consiglio Renzi ha mandato in estasi i cittadini italiani con il suo roboante programma di riduzione massiccia delle tasse, a iniziare da quelle della prima casa, la nostra assessora Ciambella, invece, preannuncia l’aumento dell’Irpef comunale, naturalmente da far pagare soltanto ai viterbesi visto che la sua residenza a Vignanello la esenterà da questa ulteriore beffa fiscale.

 

Se, poi, la scusa è sempre quella di mantenere i servizi essenziali, la vice sindaco ci faccia l’elenco delle soluzioni apportate per migliorare tutte le cose che interessano i cittadini, ad iniziare dall’efficienza della raccolta dei rifiuti, dalla cura del verde, dalla manutenzione delle strade ormai ridotte ad un colabrodo, per non parlare poi delle garanzie che dovrebbe fornire la sanità locale e delle tante altre questioni che rendono la vita difficile agli abitanti dei quartieri e delle frazioni.

 

Quando poi si parla di economie, l’assessora Ciambella ci faccia sapere dove si è provveduto praticarle oltre che sui buoni mensa e sul servizio di scuolabus perché fino a ora, per questo tipo di scelte, i sacrifici risultano solo a carico delle famiglie, di lavoratori e pensionati. Mentre si fa passare per essenziale l’oneroso contributo dei cosiddetti “esperti” che, ad ogni buon conto, se chiamati per certe incombenze, fanno sorgere più di un dubbio sulla necessità di

 

avvalersi di soggetti politici come gli assessori e dello stesso sindaco. Infine, se l’assessora Ciambella troverà tempo e disponibilità, impegnata com’è per l’inarrestabile aumento delle tasse comunali, in quanto anche assessora alla Polizia locale, potrà risolvere la viabilità in via Consolini, quartiere santa Barbara, per la quale nei mesi scorsi, proprio FondAzione aveva richiesto il senso unico per ragioni di sicurezza e di buona viabilità”.

 

Direttivo comunale FondAzione

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email