“Continuano i disastri sulla Roma Nord, una delle peggiori ferrovie d’Italia (per ammissione anche del Presidente Zingaretti).

Nulla è cambiato dopo il 1° luglio, data in cui la gestione del tratto ferroviario che da Roma piazzale Flaminio arriva a Viterbo, è passata da ATAC (società partecipata dal Comune di Roma) ad Astral e Cotral quindi dal Comune di Roma alla Regione Lazio.

Fratelli d’Italia – afferma Federico Porri, Responsabile Trasporti FdI Viterbo, – è da subito intervenuta con un’interrogazione alla giunta regionale da parte del consigliere capogruppo Fabrizio Ghera, chiedendo quali fossero i programmi della manutenzione urgente che potessero almeno prevedere il ripristino della normalità delle corse ed i passaggi per limitare l’odissea dei pendolari durante il periodo estivo.

Anche l’onorevole Mauro Rotelli in audizione alla Camera, aveva posto all’attenzione del Ministro dei Trasporti la grave serie di soppressioni delle corse sulla linea Roma-Viterbo, con conseguente sovraffollamento delle altre corse e disagi per i pendolari.

Ci duole perciò ascoltare nuovamente gli accorati appelli di chi tutti i giorni è costretto a subire questa inadeguata gestione da parte della sinistra e dei 5 stelle, di un servizio primario per i cittadini che si recano nel capoluogo per studio o lavoro.

Le prossime elezioni saranno di fondamentale importanza per determinare la fine di questa disastrosa pagina: è ora che i servizi pubblici siano gestiti da un partito serio come Fratelli d’Italia, che da tempo sta ascoltando le urgenze e le priorità di cittadini, pendolari, professionisti ed imprenditori”.

Articolo precedenteMontalto di Castro, scontro tra maggioranza e opposizione sul Bilancio
Articolo successivoPartenze sicure: Consigli della Polizia di Stato