CIVITA CASTELLANA – Mille e novecento punti luce a risparmio energetico e informatizzati, la gestione a distanza e in tempo reale di tutti i pali della pubblica illuminazione, in più nuovi pali al Parco I Maggio e l’illuminazione delle forre e a via del Rivellino. Queste sono le novità sostanziali che interesseranno l’impianto di pubblica illuminazione di Civita Castellana e che saranno realizzate entro un anno.

 

Il comune di Civita Castellana, a seguito di un lavoro durato oltre tre anni, ha infatti aggiudicato l’appalto della pubblica illuminazione alla ditta vincitrice del bando.

 

L’affidamento avrà durata di 15 anni e comprende lavori per 1,5 milioni di euro, in parte per l’ammodernamento e messa a norma degli impianti e in parte per la riqualificazione energetica tesa al risparmio dei costi dell’energia elettrica. I lavori di ammodernamento dovranno essere svolti entro un anno dalla firma del contratto.

 

“Questo appalto, che arriva a conclusione di un lavoro durato più di tre anni e per il quale ringrazio l’ufficio tecnico comunale – ha spiegato il sindaco di Civita Castellana, Gianluca Angelelli – ci consente, continuando a pagare la stessa cifra per questo servizio, di ottenere importanti lavori di ammodernamento degli impianti per un milione e mezzo di euro”.

 

“È stato un lavoro lungo e impegnativo iniziato nel 2012 con la predisposizione dell’ audit energetico, con il quale è stata effettuata una ricognizione della situazione attuale dell’impianto di pubblica illuminazione e dove sono state individuate le opere da eseguire. Si è passati alla prima gara andata deserta e quest’ultima assegnata – ha dichiarato l’assessore ai Lavori Pubblici, Sergio Annesi – Motivo di orgoglio è stato anche l’aver ottenuto il finanziamento della metà del canone del primo anno per un importo di 160000,00 euro, proveniente da fondi strutturali europei gestiti dalla Regione Lazio (pochi sono i comuni della regione che sono riusciti ad ottenere il finanziamento) e per questo il merito va dato all’impegno profuso dall’ufficio tecnico che è riuscito a rispettare tutti i vincoli e le scadenze imposte dal bando”.

 

Nell’arco di un anno la linea di pubblica illuminazione comunale diventerà una rete rispondente alla normativa vigente e nello stesso tempo l’efficientamento permetterà una riduzione dei costi dell’energia elettrica e della manutenzione degli impianti stessi. I lavori comprendono la messa a norma di tutti i quadri elettrici, la sostituzione dei corpi illuminanti e dei pali usurati, nonché la riqualificazione di alcune aree di particolare interesse per la cittadinanza.

 

La modalità seguita è quella del finanziamento tramite terzi, e cioè alla società aggiudicataria spetterà l’onere della progettazione e della realizzazione degli interventi per circa 1,5 milioni di euro, il pagamento dell’energia elettrica e la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti; l’amministrazione dal canto suo corrisponderà un canone fisso per i prossimi 15 anni, al termine dei quali tutti gli impianti rientreranno nella disponibilità del Comune che continuerà a beneficiare di un impianto efficiente. E’ una forma di finanziamento che permettere all’ente di realizzare opere importanti senza incidere sulla capacità di indebitamento.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email