“Oggi abbiamo assistito allo psicodramma della ‘diversamente maggioranza’ di Zingaretti, che in Commissione Agricoltura e Ambiente ha abbandonato i lavori proprio durante la votazione sulle nomine dei Presidenti dei Parchi e dell’ente Roma Natura, frutto di un decreto dello stesso Zingaretti.”

Così il presidente della Commissione e consigliere del Movimento 5Stelle, Valerio Novelli.

“L’assenza dei membri della maggioranza, non ha pregiudicato il numero legale, per questo la Commissione si è comunque svolta esprimendosi in merito a due decreti. – continua Novelli – Per il Presidente di Roma Natura e Monti Cimini, è passato il parere negativo per tre voti a due, grazie anche al Movimento 5 Stelle. Per la seconda nomina invece, il rientro tempestivo dei consiglieri ‘dispersi’ ha permesso alla maggioranza di esprimere voto favorevole”. “Nel mese di agosto- ricorda il consigliere 5 stelle – ho più volte spronato il governatore a ritirare queste nomine che ho definito senza indugi ‘sotto l’ombrellone’: non per un veto sulle persone ma per avviare un processo di condivisione all’interno della Commissione stessa. Il presidente della Regione, probabilmente troppo impegnato nella corsa a segretario del PD, ha ignorato le mie perplessità e così si è arrivati alla votazione in Commissione. L’incidente in Commissione di stamattina – conclude Novelli – è sicuramente un segnale politico importante sulla tenuta di questa ‘diversamente maggioranza’, appesa ad un filo di voti non sempre sicuri”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email