“I 5 Covid hospital resteranno in funzione fino a che non si troverà un vaccino, mentre i reparti torneranno gradualmente al loro setting originario. Adesso test sierologici anche in 70 centri privati del Lazio”- queste le dichiarazioni di Alessio D’Amato (Sanità Regione Lazio), rilasciate in una intervista al Corriere della Sera.

La situazione sul territorio laziale è stabile, con un Ro pari a 0,5, che vuol dire che siamo sicurezza. “Ma se dovesse alzarsi, superare o avvicinarsi ad 1 sarà un problema”, come spiega D’Amato- “La popolazione deve quindi usare la massima attenzione, dipenderà anche dall’uso delle mascherine in luoghi chiusi e dal distanziamento sui mezzi di trasporto”.

I merito all’indagine epidemiologica, i test partiranno dai primi di maggio: saranno esaminate 300 mila persona facenti parti delle forze dell’ordine e del personale medico-ospedaliero (inteso in senso ampio, ricomprendendo tutti coloro che lavorano in ospedale). D’Amato auspica una conclusione dell’indagine prima della fine di maggio.