“No all’assegnazione di dieci nuovi dirigenti nel settore della Sanità regionale che verrebbero piazzati dalla Giunta Zingaretti con una norma illegittima per violazione della competenza statale esclusiva laddove si effettua, con norma regionale, una deroga ai limiti fissati dalla norma nazionale per il conferimento di incarichi dirigenziali, nonché per interferenza con le competenze del Commissario ad acta sul rispetto del Piano sanitario di rientro”. Così i consiglieri regionali M5S del Lazio commentano l’approvazione dell’articolo 4 della Legge di Stabilità 2019, all’esame in queste ore alla Pisana.

“Si tratta di una norma non solo illegittima ma anche insensata visto che inizialmente era stata concepita in funzione dell’istituzione dell’ente ‘Azienda Zero’, prevista all’articolo 3 della Legge di Stabilità che, anche grazie ad una nostra battaglia in Commissione Bilancio, è stato stralciato. E’ evidente che siamo davanti ad una forzatura fuori da ogni logica. Non vorremmo che si trattasse del solito intervento per piazzare gli ‘amici degli amici’. Nel corso dei prossimi mesi, quando da gennaio si riprenderà la discussione su Azienda Zero con un provvedimento ad hoc, continueremo a vigilare affinché siano evitate misure simili”.