Daniele Sabatini

VITERBO – “Riabilitazione psichiatrica, stop al bando della Asl di Viterbo. Nei giorni scorsi il Consiglio di Stato ha stabilito la sospensione del lotto 2 dell’atto, con cui la Asl aveva messo a gara il servizio, accogliendo il ricorso di una delle cooperative del territorio avverso una precedente sentenza del Tar del Lazio che, sulla questione, si pronuncerà nel merito ad ottobre. Avevo rilevato da subito diverse criticità, ribadite anche in un’interrogazione a Zingaretti presentata in Consiglio regionale, e la sospensione dimostra come le nostre perplessità non fossero campate in aria.

A questo punto, la Regione Lazio acceleri un intervento per scongiurare eventuali effetti deleteri di un provvedimento che, se confermato, potrebbe interrompere il lavoro che funziona perfettamente, svolto da anni dalle cooperative e da altri addetti del settore, trasformando un servizio fiore all’occhiello della provincia di Viterbo in un’attività totalmente assistenziale. Come ho sottolineato nell’interrogazione, il bando suddivide la terapia del paziente in più lotti facendo venire meno la globalità e l’interezza del programma riabilitativo, fattore importante per l’efficacia del piano assistenziale. In particolare, il budget stanziato per il Lotto 2 sembrerebbe comportare una diminuzione delle ore lavorative degli operatori, con un conseguente decremento del trattamento riabilitativo, che risponderebbe solo a logiche economiche a discapito del diritto alla salute. Nell’interrogazione si chiede , infine, di accertare se in fase di pubblicazione e aggiudicazione del bando, sia stata assicurata massima trasparenza e concorrenza, con la partecipazione del maggior numero di aziende e soggetti interessati. Mi aspetto una riposta rapida, puntuale e soprattutto concreta. I cittadini hanno diritto al miglior servizio possibile”.

E’ quanto dichiara il consigliere regionale del Lazio, Daniele Sabatini, candidato nelle liste di Forza Italia alle elezioni del 4 marzo.

Commenta con il tuo account Facebook