«Musica spenta e tutti in coda in uscita al rave del Lago di Mezzano, con le FFOO intervenute massicciamente dalle prime luci dell’alba.

Doveva durare fino a domenica, – afferma Mauro Rotelli, Deputato Fratelli d’Italia, – con un lavoro continuo, i dirigenti della Questura di Viterbo si sono adoperati per risparmiarci altri 4 giorni di illegalità, senza arrivare a scontri. Il timore di un G8 bis è sempre vivo, dialogo e fermezza sono le uniche chiavi per risolvere il problema contingente. Ma per il futuro e per quello che è appena successo, non è possibile immaginare che il “movimento” dei rave non sia attentamente monitorato dalle forze di Polizia, per evitare altri simili episodi e lutti.

Chiederò al Prefetto che venga applicato, a tutti i partecipanti identificati, il Daspo (foglio di via) per almeno i prossimi 5 anni.

Un ulteriore deterrente, affinché quello che abbiamo vissuto non si ripeta almeno nella Tuscia».