Con l’approvazione della norma sull’equo compenso – comunica Mauro Rotelli, Presidente della Commissione Ambiente, Infrastrutture e Territorio della Camera dei Deputati, – si vuole dare nuovamente ai giovani professionisti ciò che attendevano da anni.

La fiducia nel futuro, una professione con più tutele e gli strumenti per difendere il proprio lavoro sono le linee guida da seguire per salvaguardare i giovani professionisti.

Dopo l’approvazione in Parlamento, passata all’unanimità, del provvedimento sull’equo compenso, Fratelli d’Italia mostra nuovamente l’importanza della tutela per le nuove figure lavorative italiane.

Il voto unanime alla legge testimonia, nuovamente, la volontà di non vedere mortificato il lavoro intellettuale. Adesso si inizierà a lavorare a favore di una riforma del settore che sia organica e complessiva e che si estenda alla platea più ampia possibile di professionisti.

Articolo precedente“Pillole di psicologia”, al primo incontro si parlerà di disturbi psicosomatici nel bambino e nell’adulto
Articolo successivoRiprese televisive al Palazzo dei Papi per la TV nazionale portoghese