VITERBO – “Non è bastato lanciare l’allarme un anno fa. Adesso, sta per esplodere la bomba economica ed amministrativa legata alle RSA del Lazio. Di fatto, è già innescata ma a partire da quest’anno produrrà effetti disastrosi per i Comuni, le strutture e le famiglie di ospiti residenziali e semiresidenziali.

 

Le risorse che la Giunta Zingaretti ha allocato in bilancio non bastano a coprire nemmeno il 25 per cento delle reali esigenze. Si prospetta una vera e propria apocalisse per la tenuta del sistema delle RSA, a partire da considerevoli buchi di bilancio per i Comuni del Lazio fino al concreto rischio di collasso per le strutture residenziali insistenti sul territorio laziale. Quindi, auspichiamo che la Regione possa rivedere questa scelta scriteriata che può provocare seri danni agli enti locali su un settore delicato come quello delle politiche sociali.

 

L’apocalisse RSA non risparmia la Tuscia e il suo capoluogo. Per ora gli stanziamenti sono del tutto insufficienti. Si parla di oltre 1 milione di euro in meno rispetto alla reali esigenze del Comune di Viterbo. Un potenziale buco di bilancio pericoloso per le casse dell’amministrazione ma soprattutto devastante per le RSA del territorio, gli operatori medici e paramedici, gli ospiti delle strutture e le loro famiglie. E per il futuro si prospetta una situazione ancora peggiore. In tutto questo spiace rilevare la totale approssimazione e l’assoluto immobilismo della Giunta Michelini, con particolare riferimento alle politiche sociali. Una superficialità che, a questo punto, non può essere tollerata”.

 

Lo dichiara il capogruppo di Nuovo Centrodestra della R​egione Lazio Daniele Sabatini (foto)

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email