REGIONE – “La norma sull’Irpef approvata dalla commissione bilancio, che ha visto il contributo costruttivo delle opposizioni, mette al riparo i redditi fino a 35mila euro dall’aumento dell’1 per cento. Un provvedimento approvato in ritardo ma che dà una boccata d’ossigeno a parte della popolazione laziale. Si tratta tuttavia solo di un primo passo: il Lazio continua ad essere la regione con l’irpef più alta d’Italia, un primato che ci auguriamo possa venir meno se davvero la nostra regione riuscirà a liberare la sanità dal commissariamento. A quel punto l’auspicio è che le tasse per i cittadini del Lazio possano cominciare davvero scendere. Per tutti”. “Infine, in merito al mio emendamento volto ad aumentare l’indennizzo per le popolazioni residenti nelle aree aeroportuali, al di là delle difficoltà tecniche, confido nella disponibilità dell’ assessore Sartore, emersa in commissione”. E’ quanto dichiara Daniele Sabatini (foto9, capogruppo Ncd della Regione Lazio.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email