VITERBO – “Dice un vecchio proverbio: Dove l’asino è caduto una volta, non ci cade più ! E visto che per qualcuno, noi siamo degli asini, non intendiamo più caderci nelle false promesse.

 

Caro super assessore è più di un anno che ci propina quello o quell’altro mese per il bando sulle ex terme INPS. Così se proprio se non sa decidere, o non vuole, o non glielo fanno fare, o ancora se è per l’approfondimento chiesto dal consigliere comunale Maurizio Tofani, come riportato dai giornali, che la rallenta, (secondo noi il consigliere sopra citato, approfondisca qualcosa che ai viterbesi interessa molto) crei un nuovo mese, che so SETTEMBRIOLO, potrebbe andare bene, così nessuno potrà dire che non rispetta i tempi.

 

Basta scherzare! Le ricordiamo, per l’ennesima volta, che le ex terme INPS sono patrimonio di tutti noi, per tanto non permettiamo a lei e né a tutta la giunta di perdere tempo su un qualcosa che è proprietà di tutti. Se non intende o non riesce a capirne l’importanza si faccia da parte nessuno piangerà. Chiediamo al Sindaco e a tutto il Consiglio, visto a quanto si dice che il bando dovrà passare di nuovo in Consiglio Comunale, di farlo in breve tempo, un mese al massimo, vista l’importanza. Cari consiglieri smettete di perdere tempo. Sì perché quelle pause che vi prendete, come dite per “approfondire”, cosa che avviene in quasi tutti i Consigli che fate, voi dite di dieci minuti e invece diventano di un’ora. Vediamo di produrre di più.

 

Pensate a chi è senza lavoro, pensate alle tantissime famiglie che non sanno come sopravvivere, pensate ai nostri giovani costretti ad emigrare o che sopravvivono con l’aiuto dei genitori. Ma quanto dureranno questi genitori? Se i vostri figli non hanno di questi problemi, non pensate solo a voi. Ricordatevi che siete stai eletti per amministrare al migliore dei modi e fare gli interessi di tutta la popolazione. Mettere in moto la questione termale, a cominciare dalle ex terme INPS, è una priorità per risolvere, almeno in parte, la disoccupazione. Se ne siete capaci, fate vedere che non siete come le passate amministrazioni che, con le ex terme INPS e il termalismo in generale, non hanno concluso nulla. Ricordatevi sempre che il Comune è la casa di tutti cittadini non la casa di riposo degli eletti. Non fate finta di lavorare! Solidarietà Cittadina e il il Comitato lavoratori ex terme INPS saranno in piazza San Faustino, sabato 14 febbraio, dalle 11-13 per informare e sensibilizzare sulla questione ex terme INPS e termalismo nel viterbese”.

 

Franco Marinelli
Solidarietà Cittadina

 

Alessandro Revoltella
Comitato lavoratori ex terme INPS

Commenta con il tuo account Facebook