Sergio Insogna

VITERBO “Il mondo dello sport è un settore della nostra vita quotidiana importante, integro, tenace, educativo e svolge un ruolo sociale e civile di notevole valore.
Le società sportive, i presidenti, i dirigenti, gli atleti, gli allenatori ed anche gli arbitri o giudici di gara sono gli elementi ed i protagonisti indispensabili dell’enorme attività sportiva che si realizza nella nostra città.

Sono queste ed altri considerazioni di natura etica e morale che hanno fatto si che a Viterbo il Consiglio Comunale nella sua totalità, senza contrapposizioni di parte, ha approvato un Progetto dello Sport che dal 2016 ha dato gli indirizzi amministrativi alla Giunta ed al Sindaco, utili per la gestione di detto settore.

I punti fondamentali di questo documento programmatico, di cui si è dotato il Comune di Viterbo, sono rappresentati da :

1) Ripristino del settore Sport, attualmente azzerato, e prevedere il ritorno della figura dell’Assessore allo Sport, con competenze dirette e con capacità di impegni di spesa sul Bilancio per il settore; contestualmente attivazione della Consulta dello Sport, come organo partecipativo e consultivo di riferimento dell’assessorato, composto da dirigenti delle varie associazioni e discipline ;

2) un Patto Sociale tra Comune, CONI ed associazioni sportive, sostanziato da una convenzione, non solo economica ma soprattutto di promozione sportiva, con lo stesso CONI e da finanziamenti e/o contributi sul bilancio per le attività e per le manifestazioni sportive;

3) attivazione del Registro Comunale delle Associazioni, già deliberato dal C.C. ma mai messo in atto, che dovrà essere visibile sul sito Web del Comune ( sito da rinnovare e rendere più fruibile e dignitoso ) ambito in cui ogni società avrà il suo spazio contenente notizie ed informazioni;

4) puntuale e necessario censimento degli impianti sportivi pubblici e privati ( comprese anche università, militari, parrocchie ) onde poter predisporre un Piano Regolatore degli impianti sportivi, dove il Comune mette a disposizioni aree di sua proprietà, aventi la opportuna destinazione d’uso, di soggetti privati progetti previo investimenti, mutui o project financing, fermorestando che l’amministrazione deve produrre anch’essa progetti necessari per la realizzazione o la riqualificazione di strutture richiedendo finanziamenti europei, nazionali, regionali o tramite mutui;

5) adeguamento delle convenzioni ed utilizzo di impianti sportivi comunali ai nuovi Regolamenti approvati dal C.C. anche in materia di impianti scolastici del comune;

6) calendarizzare le centinaia di manifestazioni sportive, secondo un valore anche di solidarietà, d’impatto e sviluppo turistico ed organizzativo, favorire il patrocinio degli stessi e tramite avviso pubblico elargire un contributo spese;

7) favorire convegni e dibattiti su temi dello sport riguardanti come : la fiscalità, la tutela sanitaria, la lotta contro la violenza e l’uso di sostanze proibite, l’ambiente e la qualità della vita, l’alimentazione ed i benefici salutistici dell’attività sportiva, il turismo e la promozione del territorio;

8) l’idea di realizzare una manifestazione celebrativa dedicata allo sport, tipo un Gran Gala’ dello Sport od un Premio Città di Viterbo, appuntamento annuale in cui premiare le eccellenze ed i protagonisti dello sport viterbese, nazionale ed internazionale;

9) da ultimo progettare la possibilità di realizzare un Museo dello Sport comunale e prov.le, in cui ci sia memoria storica delle attività, degli avvenimenti e dei protagonisti dello sport viterbese passato e presente, prevista anche una biblioteca dello sport contente libri, pubblicazioni e documenti cartacei inerenti al settore Sport.

Questi in breve capi sono gli elementi che compongono il documento programmatico approvato dal C.C. a novembre del 2016 e che servirà come traccia amm.va al nuovo Sindaco ed alla nuova Giunta. Per opportuna conoscenza”.

Sergio Insogna
Consigliere comunale
Commenta con il tuo account Facebook