VITERBO – Il presidente della Provincia Marcello Meroi e l’assessore provinciale ai Trasporti Franco Vita, si sono attivati presso i dirigenti del Cotral per rappresentare alcune problematiche che riguardano l’utenza scolastica, segnalate in particolare dalla dirigente del Liceo Scientifico Antonio Meucci di Ronciglione Domenica Ripepi.

 

La dirigente scolastica ha sollecitato una maggiore uniformità fra gli orari dei mezzi Cotral e le esigenze dei numerosi studenti che frequentano l’istituto ronciglionese, in particolare gli alunni del biennio che hanno un’articolazione oraria distribuita su cinque giorni e con sei ore di lezione al giorno; studenti provenienti principalmente da Castel S.Elia, Monterosi, Nepi, Caprarola, Carbognano, Capranica, Fabrica di Roma, i cui genitori sono stati costretti a richiedere l’autorizzazione a far uscire i figli prima dell’orario di conclusione dell’ultima ora di lezione, per consentirglidi poter prendere il pullman delle ore 14. Il termine della lezione è infatti previsto alle ore 14,20, ma dopo la corsa delle ore 14 non ci sono altri mezzi per raggiungere le località sopra indicate. La dirigente del Meucci ha evidenziato l’oggettiva difficoltà nel far recuperare agli studenti i minuti persi a causa dell’uscita anticipata e dovendo programmare l’attività didattica per il prossimo anno scolastico ha chiesto alla Provincia un intervento presso il Cotral al fine di favorire al massimo la sincronizzazione fra gli orari di partenza dei mezzi e l’attività didattica.

 

“Con il presidente Meroi – ha spiegato l’assessore Vita – abbiamo contattato il funzionario responsabile dell’Azienda rappresentandogli le richieste giunte dal Liceo di Ronciglione ottenendo ampia collaborazione al riguardo. Per questioni organizzative ci è stato riferito che non è possibile cambiare gli orari immediatamente, ma che ciò potrà essere fatto a partire dal prossimo anno scolastico. Inoltre la dirigente scolastica ci ha anche manifestato la volontà di adottare, sempre a partire dal prossimo anno, la settimana corta per tutti, superando la duplice configurazione attuale, che vede il biennio distribuito su cinque giorni e il triennio su sei. Infatti – ha aggiunto ancora Vita – proprio l’unificazione dell’articolazione oraria già attuata per i licei scientifico di Nepi e Civita Castellana ha consentito al Cotral di poter meglio soddisfare le necessità scolastiche. Ringraziamo i dirigenti dell’Azienda per la sensibilità dimostrata e auspichiamo che possano venire incontro il più possibile alle aspettative degli studenti permettendo loro di superare gli attuali disagi”.

Commenta con il tuo account Facebook