VITERBO – “Egreg. Sig. Sindaco, Egreg. Sig. Presidente del Consiglio. Nel giorno successivo ai festeggiamenti della nostra Santa Patrona, credo che una riflessione urgente debba essere fatta e lo dico proprio io, avendo avuto esperienze analoghe alle Sue. Questa richiesta…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedente“Excellentiae”, un aperitivo con i sapori dell’Alto Lazio
Articolo successivo“Le scritture della strada”, il libro-oggetto di Alfonso Talotta presentato a Roma