«Entro il 31 gennaio tutto il territorio comunale di Sutri verrà coperto dalla raccolta differenziata porta a porta.

Prosegue l’organizzazione del servizio che verrà avviato grazie all’amministrazione Sgarbi.

Un passo in avanti importante – comunica l’amministrazione Sgarbi – per l’Antichissima Città, tra gli ultimi luoghi della Tuscia ad avviare il sistema porta a porta. Un atto necessario per Sutri che permetterà ai cittadini, nel medio e lungo periodo, di risparmiare sulla bolletta e di tutelare ancor più l’ambiente. Il servizio di raccolta differenziata porta a porta sarà attivo dopo una fase di corretta informazione dei cittadini, e prevedrà, inoltre, su appuntamento, la raccolta degli ingombranti a domicilio e la possibilità di avere la compostiera da giardino per recuperare l’umido.

Occorre specificare, in questa sede e nel merito di questa importante novità, che l’amministrazione non intende legittimare basse (e continue) speculazioni. L’atto iniziale che ha portato alla stesura del progetto, elaborato da uno spettabile professionista, fu votato dalla ex maggioranza, oggi opposizione, e dalla ex minoranza, oggi maggioranza e che l’ex vicesindaco, nominato dal sindaco e mai eletto alle urne, non votò fisicamente ciò che stabiliva la nascita del servizio di raccolta differenziata. L’unica certa paternità di questo importante servizio per la città è dell’amministrazione guidata dal sindaco Vittorio Sgarbi.

Ci preme sottolineare, inoltre, un’altra grande novità per l’Antichissima Città. Grazie ai buoni rapporti con la Regione Lazio avviati dal sindaco Sgarbi e dal vicesindaco Di Mauro, alla nostra città potrebbe giungere lo stanziamento, attualmente in valutazione, di 100mila euro che finanzieranno un progetto di riqualificazione di alcuni tratti della Via Francigena».