SUTRI – I consiglieri di minoranza del Comune di Sutri, Lillo Di Mauro, Felice Casini e Vincenzo Petroni hanno presentato una richiesta di convocazione del Consiglio comunale, per discutere sulla chiusura, dal prossimo 1° aprile, della caserma dei carabinieri di Sutri.

 

“Ci piacerebbe si trattasse di un Pesce d’aprile – dicono in coro i tre – ma da quanto sappiamo non sarà affatto così. Quindi Sutri perderà la propria stazione che sarà ripiegata nella Compagnia di Ronciglione, una grossa perdita se si tiene conto del fatto che da sempre è punto di riferimento per la collettività sutrina e che ha sempre rappresenta un presidio di legalità contro i crimini. Ciò senza trascurare il fatto che si perderebbe anche l’ultimo baluardo della presenza della istituzioni sul nostro territorio. Un territorio – proseguono – molto ampio e soprattutto crocevia principale sulla Cassia”.

 

Da qui la richiesta al sindaco di intervenire interessando l’opinione
pubblica attraverso un Consiglio comunale: “L’amministrazione si deve interessare a questa vicenda – aggiungono – e il sindaco deve assumere informazioni ufficiali con le competenti autorità e ministeri in merito al trasferimento della stazione dei carabinieri. Inoltre, deve chiedere in che modo verranno assicurati al nostro comune livelli adeguati di presenza e controllo del territorio anche in considerazione dell’incremento di eventi criminali che richiedono esigenze particolari di presidio e monitoraggio del territorio. E poi – chiudono – in che modo la maggioranza intende collaborare con le forze dell’ordine al fine di garantire la maggiore sicurezza ai cittadini utilizzando anche la videosorveglianza e l’impiego della polizia locale per controlli h24. Ma anche se la maggioranza è intenzionata a trovare soluzioni per garantire la presenza della stazione dei carabinieri nel nostro comune individuando eventuali fabbricati di proprietà del comune o di privati da destinare a questo scopo”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email