Luca Talucci, presidente del Silb (Sindacato Italiano Locali da Ballo) e candidato consigliere comunale per la lista Forza Italia-Fondazione-UdC, lancia le sue proposte per revitalizzare il commercio viterbese coinvolgendo la filiera dell’intrattenimento.

Per Talucci, incentivare gli appuntamenti nelle piazze della città potrà favorire il rilancio dell’economia viterbese, del centro storico e non solo: “Nella nostra Viterbo mancano gli eventi. Trovo assurdo che, dal 1° giugno al 3 settembre, la città si svuoti e vada nei paesi limitrofi. Io, invece, vorrei che fossero i piccoli paesi a tornare nel capoluogo della provincia e, l’unica ricetta per far sì che ciò avvenga, è organizzare eventi. Il Comune non solo deve mettersi in gioco direttamente, provvedendo all’organizzazione, ma deve mettere anche i privati nelle condizioni di poter fare altrettanto”.

“Penso – prosegue – ad appuntamenti a tema che possano riempire le piazze, a percorsi enogastronomici per tutti ed alle serate con la musica. Senza contare quelli a sfondo culturale. Sono convinto che questa filiera, quella del divertimento e dell’intrattenimento, possa portare risultati eccezionali ed una miglior vivibilità in città. Del resto, non ci manca nulla: i luoghi da poter utilizzare ci sono, così come le teste pensanti ed intraprendenti in grado di pensare ad allestimenti ed organizzazioni”.

“La mia idea – conclude Luca Talucci –  è quella di stringere gemellaggi con alcune delle migliori città italiane e con i miglior locali notturni, affinché gli eventi organizzati in sinergia possano portare allegria e soprattutto soldi ai viterbesi, dando lavoro alle aziende che operano sul nostro territorio. Ovviamente, in quest’ottica, vanno coinvolte tutte le fasce della popolazione, dai più grandi ai giovani. Una massiva partecipazione agli eventi, matematicamente fa girare l’economia ed il commercio”.

Articolo precedenteAlessandra Troncarelli: “Vi aspettiamo a Santa Barbara per chiudere insieme questa campagna elettorale”
Articolo successivoClaudio Ubertini: «Ancora rifiuti da Roma, dobbiamo difendere il nostro territorio dall’incapacità della sinistra»