FARNESE – I fatti verificatisi la scorsa settimana a Farnese, a danno dell’ex sindaco Dario Pomarè, e che giungono dopo altre intimidazioni di cui sono stati vittime cittadini farnesiani impegnati negli anni scorsi nel Consiglio Comunale, generano il senso di un profondo sdegno e richiedono ferma condanna.

 

L’escalation di barbarie scaricatasi su animali, piante, macchinari e strutture costituisce un linguaggio che non può essere ammesso nè tantomeno tollerato: il linguaggio dell’odio e della sopraffazione attraverso la violenza.

 

Esprimo sincera solidarietà all’ex primo cittadino Dario Pomarè, agli altri ex- amministratori così come all’attuale Sindaco e all’amministrazione comunale tutta e la mia vicinanza, umana e istituzionale, all’intera popolazione che ha vissuto e vive momenti di sgomento e di paura: nei confronti di atti che sono volti a destabilizzare, a creare tensione e a impedire ogni espressione di libera dialettica democratica è necessario rispondere con gli strumenti che una società civile deve rivendicare come propri e cioè l’agire secondo regole di civiltà e di legalità. Esprimo, infine, la più profonda fiducia che le ricerche degli inquirenti possano portare, in modo rapido, alla individuazione dei responsabili.

 

Alessandra Terrosi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email