Adelio Gregori, Sindaco Vallerano

«Ho appreso – comunica Adelio Gregori, Sindaco Vallerano, – dagli organi di stampa, e successivamente sulla mia mail personale, della lettera a me indirizzata da parte del gruppo consiliare di minoranza, la quale invitava me e tutta l’Aministrazione comunale ad esprimere una forte presa di posizione presso ogni possibile tavolo istituzionale, riguardo le nostre attività commerciali ed imprese che, per effetto del decreto governativo, si trovano a dover tenere le porte delle loro attività chiuse, o offrire un servizio ridotto potendo contare solo sulle consegne a domicilio.

Fin dall’inizio del nostro mandato amministrativo, ed a maggior ragione in questo momento storico  di piena emergenza, abbiamo ribadito di non lasciare indietro nessuno, tantomeno le imprese e le attività commerciali come i tanti venditori ambulanti, bar, ristoranti, parrucchieri e centri estetici. Sono proprio queste attività che in base al DPCM del 26 Aprile potranno riaprire solo a giugno e con tutte le difficoltà che si presenteranno.

Stiamo lavorando da giorni sul bilancio per valutare la possibilità, sempre nel rispetto del suo equilibro, di possibili detrazioni dai tributi, ovviamente valutando eventuali rimborsi di detti importi da organismi superiori, e su iniziative che possano portare dei benefici verso le attività commerciali duramente colpite da queste restrizioni.

Da subito abbiamo informato tutti coloro che potevano beneficiare di iniziative messe a disposizione dal Governo e soprattutto dalla Regione Lazio, e non verrà mai meno il supporto mio e della mia squadra per aiutare le attività produttive, commerciali e ogni singolo cittadino per trovare misure adeguate che consentano di superare questo momento di crisi economica.

E’ sotto gli occhi di tutti, lo sforzo che stiamo facendo e le attenzioni che stiamo mostrando verso le fasce piu deboli e verso tutti coloro che sono stati colpiti da questa epidemia, ed è nostra intenzione camminare al loro fianco per uscire insieme dalla palude il prima possibile.

Siamo disponibili, come sempre, a qualsiasi tipo di dialogo e proposte nell’interesse della nostra comunità.

Ribadisco che vista la situazione, come detto in premessa, questa battaglia non può dare adito ad iniziative politiche di parte, tanto è vero che come Sindaco e come Amministrazione tutta ci siamo mossi nell’interesse dell’intera comunità.

Solo chi come me, vive quotidianamente il territorio, può capire quanto sia complicato gestire la situazione attuale, sia dal punto di vista economico che sociale, ma questo è il mio ruolo e non verrà mai meno l’impegno, la determinazione e l’amore nei confronti della mia comunità».