«La mozione di sfiducia da Presidente del Consiglio comunale votata oggi, a mio svantaggio, – scrive Giulia Ragonese, Vetralla Tutta – è un passaggio duro e aspro, e provoca una grande amarezza.
La politica è anche fatta di destini personali, ma non voglio perdere tempo sul mio destino personale: ho rinunciato a una “poltrona” perché mi ha allarmato la direzione che vogliamo dare alla città. Facciamo però un regalo enorme all’opposizione e alla destra se non troviamo fin da subito il modo di ricucire lo strappo a partire dall’idea che abbiamo di Vetralla e di come risolvere i problemi delle persone.

Quello che vediamo al momento è un treno che va dritto senza fermarsi, e invece il treno va fermato, capendo insieme gli errori e come rimettere le persone al centro della politica di questa amministrazione. Un principio con il quale ho provato a svolgere la mia delega alle pari opportunità a favore dell’autodeterminazione delle donne: da qui l’apertura della Casa delle donne, unica realtà in provincia, e la tutela delle madri sole e dei servizi ad esse collegati.

Al Pd vetrallese, il cui segretario Zingaretti ha appena inaugurato il nuovo corso, dico di costruire nuove alleanze. Sfiduciare politicamente una componente della maggioranza, che rappresenta una sensibilità diffusa di sinistra, appare come un atto fuori misura e potrebbe non essere stato un passo utile. Il confronto interno, anche quando faticoso e complicato, può essere fatto pubblicamente, promuovendo la partecipazione e la trasparenza, ma alla fine si dovrebbero trovare dei punti comuni.

L’aumento delle rette dell’asilo nido si doveva evitare, si deve ancora evitare, ci abbiamo provato fino in fondo. Le firme di quasi la totalità dei genitori degli utenti dell’asilo chiede più ascolto, maggiore partecipazione e il riconoscimento dei principi dello stato sociale.
Noi continueremo a fare proposte, sempre con l’idea di far del bene alla città e mai contro qualcuno, perché ciò che conta più dei nostri interessi è rendere migliore la vita delle persone».

 

Commenta con il tuo account Facebook