VITERBO – Quando la creatività incontra la disabilità. Si è concluso con successo il corso di manipolazione dell’argilla destinato a ipovedenti e non vedenti.

 

Il corso si è tenuto presso la Sede dell’Associazione Rosa Venerini sita in Viterbo, Piazza S. Carluccio 6, grazie al finanziamento della Fondazione Carivit di Viterbo e dell’I.RI.FO.R. Nazionale (Istituto per la Ricerca, Formazione e Riabilitazione della Disabilità visiva).

 

Le insegnati Daniela Lai e Cinzia Chiulli dell’Artistica Soc. Coop. hanno accolto con entusiasmo il progetto e per otto settimane hanno insegnato a un gruppo di ipovedenti e non vedenti le tecniche di base della manipolazione dell’argilla. Obiettivo di questo progetto era quello di aiutare il non vedente ad uscire dal proprio isolamento dandogli la possibilità di utilizzare costruttivamente il proprio tempo libero e di renderlo consapevole di potersi mettere in gioco acquisendo nuove conoscenze e sviluppando le proprie abilità manuali.

 

Al termine del corso possiamo dire che tale obiettivo è stato pienamente raggiunto ed ha costituito un arricchimento sia per le insegnanti che per i partecipanti. Il nostro grazie va, quindi, a tutti coloro che hanno reso possibile questa bellissima avventura.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email