VITERBO – L’Associazione Felina Viterbese Bastet, nata lo scorso giugno per offrire assistenza e supporto a colonie feline e gatti abbandonati, partecipa con quattro imperdibili appuntamenti alla seconda edizione del Festival del Volontariato presso l’arena solidale creata negli spazi di Piazza Fontana Grande e dell’Ex Tribunale di Viterbo, dove si concentra il cuore pulsante di tutte le associazioni che durante l’anno si impegnano lavorando per il prossimo e per la città, offrendo il proprio impegno e la propria volontà. Perché fare volontariato è proprio questo: un continuo atto di volontà, un voler contribuire al benessere sociale e al miglioramento comune.

 

In quasi un anno di attività l’Associazione Bastet è riuscita a offrire servizi sempre più diversificati ai gattari, dalle periodiche distribuzioni in piazza del cibo per le colonie, alle raccolte fondi che hanno permesso di creare due convenzioni per un totale di €1100, stanziati per aiutare i casi più gravi e le sterilizzazioni urgenti. La Bastet inoltre offre supporto alla gestione e riqualifica di colonie feline e si propone una disciplina delle adozioni attraverso i controlli pre e post affido.

 

“La partecipazione dell’associazione Bastet al festival sarà ricca di appuntamenti: dopo l’inaugurazione, lunedì 4 maggio, l’Associazione Felina viterbeset vi aspetta dalle 16:00 alle 18:00 presso lo stand allestito all’interno dell’Ex Tribunale per l’adozione di gatti e gattini: siete tutti invitati allo stand, dove potrete conoscere i gattini che cercano casa.” -dichiara Silvia De Rosa, presidente dell’associazione. La mattinata di mercoledì 6 maggio (dalle ore 9:30 alle 12:00) sarà dedicata a bambini e ragazzi con la realizzazione di uno spazio ludico ed educativo, una sorta di laboratorio dedicato ad attività utili a far conoscere meglio l’animale domestico l’attraverso l’arte e il gioco. Importantissimo è poi l’appuntamento con la conferenza di venerdì 8 maggio alle ore 17:00: il legame tra gatto, cultura e personaggi famosi in un intervento di Federica Marchetti. Seguirà una breve introduzione sulla gestione delle colonie feline e la presentazione di due importanti progetti per la loro tutela.

 

“Il gatto, creatura misteriosa e sfuggente, è da sempre il compagno ideale di donne e di artisti“– afferma Federica Marchetti, scrittrice, freelance e art director, che oltre a collaborare con siti e riviste (articoli, recensioni e interviste) è anche autrice di narrativa, di saggistica e di un curioso libro autobiografico. Tutta la sua attività creatrice è nata da un gatto nero e proprio “Il Gatto Nero” è diventato dal 2010 oggetto di una serie di racconti gialli ambientati a Viterbo e pubblicati nell’antologia C’è un cadavere in libreria (edizioni Il Foglio).

 

“Indiscutibilmente sensibile e affascinante, il gatto ha saputo accattivarsi la simpatia del compagno, mai padrone, che ha trovato ispirazione in lui.” Così Federica Marchetti ripercorrerà le orme feline dei gatti che hanno lasciato la loro impronta nella storia e nella leggenda in un intervento che introdurrà la successiva presentazione di due progetti dell’Associazione Bastet per la tutela felina: l’istituzione di un tesserino della solidarietà e la realizzazione di un gatto-parco cittadino.

 

Il 9 maggio l’Associazione Bastet ricorda la cena “BE DIFFERENT” organizzata dalla Consulta del Volontariato con il successivo evento, il concerto di ANNALISA MINETTI.

 

Il 10 maggio ore 10:00-19:00 l’associazione felina viterbese parteciperà a “La città a colori”, evento conclusivo organizzato dalla “ONLUS Associazione Viterbo Con Amore” con uno stand in via F. Ascenzi, tra Piazza del Plebiscito e Piazza Martiri D’Ungheria, per la distribuzione del cibo gratuito per le colonie feline. Per informazioni: associazionefelina.bastet@gmail.com”.

 

Ass. Felina Viterbese Bastet

 

Commenta con il tuo account Facebook