TARQUINIA – Anche quest’anno la Pasqua con Semi di Pace sarà più dolce e solidale, regalando o regalandosi una buonissima colomba e offrendo una speranza a centinaia di bambini seguiti con il sostegno a distanza. Domenica 8 marzo, giornata che la Diocesi di Civitavecchia – Tarquinia dedicherà all’associazione, i volontari di Semi di Pace saranno nelle chiese di varie città con l’iniziativa “Una Colomba per un Sorriso”.

 

Sarà così possibile prendere, con una piccola offerta (7 euro), una colomba e dare il proprio contributo per una causa importantissima. Milioni di bambini nel mondo non hanno infatti accesso al cibo, all’acqua potabile, alle più elementari cure mediche e a un’istruzione di base. Negando loro questi diritti, li si priva di tutto. Nata nel 1980 Semi di Pace oggi, con il sostegno a distanza, opera in Messico, Repubblica Dominicana, Perù, India, Repubblica Democratica del Congo e Romania.

 

Giunta alla nona edizione, “Una colomba per un sorriso”, ha permesso di raccogliere fondi significativi a favore di molti progetti di solidarietà, che l’associazione ha realizzato sia sul territorio sia all’estero. I volontari di Semi di Pace saranno a Tarquinia, presso la cattedrale e nelle chiese di San Giovanni Battista e Leonardo, Santa Lucia Filippini, Madonna dell’Olivo; a Civitavecchia, presso la cattedrale e nelle chiese di Sant’Agostino, San Felice da Cantalice, Sacro Cuore, San Francesco di Paola, San Gordiano Martire, Santi Liborio e Vincenzo Maria Strambi Vescovi; a Monteromano, presso la chiesa di Santo Spirito; e a Pescia Romana, presso la chiesa San Giuseppe Operaio.

 

Ma non solo, in Umbria, in alcune diocesi di Narni e Terni; a Roma nella chiesa di San Gregorio VII; e in alcune chiese della diocesi di Viterbo. Inoltre, per tutto il mese di marzo, l’iniziativa si svolgerà nelle scuole del territorio e nelle principali piazze delle città del comprensorio. Per tutte le informazioni sull’iniziativa “Una Colomba per un Sorriso” e sul sostegno a distanza è possibile visitare il sito internet www.semidipace.org o scrivere a progettiinternazionali@semidipace.org.

Commenta con il tuo account Facebook