VETRALLA – Il giorno 27 Ottobre, presso l’Università degli studi della Tuscia, ha conseguito la laurea in scienze umanistiche (lettere moderne) la studentessa Veronica Camardella (foto), originaria di Vetralla, ottenendo la votazione di 110 e lode. Una grande soddisfazione la sua, soprattutto per aver proposto come tematica della sua tesi il Teatro Sociale, una delle primissime tesi nell’ambito della Tuscia ad affrontare questo argomento. Il suo lavoro è volto a sensibilizzare la comunità a prendere visione di un Teatro che si discosta dai suoi canoni tradizionali ed entra in quegli spazi dove vige il disagio nel più ampio significato del termine, tra cui i manicomi, le carceri e le comunità per tossicodipendenti.

 

La tesi, dal titolo “Imparare ad integrarsi in scena: pagine di un’esperienza creativa e socio-riabilitativa di laboratorio teatrale integrato” è stata dedicata alla Compagnia Integramente di Viterbo, avviata dall’Associazione Astarte nel Febbraio 2013, condotta dal dott. Paolo Manganiello attore, regista, storico del teatro, formatore ed operatore teatrale e da Chiara Gabriella Palumbo, attrice, regista, formatrice ed operatrice teatrale.

 

Il loro laboratorio integrato è nato per dar vita ad un luogo di condivisione e di integrazione tra persone diversamente abili, con disagio psichico, disturbi psichiatrici e persone normodotate; il loro spazio si trasforma in un vero e proprio setting socio-riabilitativo, consistendo nella preparazione fisica e mentale degli attori attraverso il gioco del teatro.

 

La compagnia ha portato avanti e sta continuando a realizzare diversi spettacoli teatrali, approdando in diverse piazze del territorio viterbese, riscontrando molto successo tra gli spettatori i quali prendono parte ad un’esperienza unica ed altamente educativa.

 

La neo-dottoressa ha voluto riportare la sua esperienza di volontaria e sottolineare l’aspetto professionalizzante del Teatro Sociale: tra le pagine della tesi ha riportato l’esperienze di volontari che hanno fatto del laboratorio integrato un’esperienza di vita e lavorativa divenendo così degli educatori teatrali.

 

Il suo lavoro ha riscontrato compiacimenti e apprezzamenti da parte degli stessi docenti, soddisfatti di aver prestato ascolto ad un argomento non troppo conosciuto dalla comunità ma che invisibilmente sta garantendo ottimi risultati terapeutici, curativi per tutti i componenti che ne prendono parte.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email