PROVINCIA Mentre scriviamo è terminata la prima giornata dell’Air Show Lago di Bolsena. Una giornata definibile dai due volti: la sublime cerimonia nella mattinata, il resto con le prove tecniche dei velivoli in preparazione della manifestazione ufficiale di domani.

Nel contesto, dalle ore quattordici fino alle ore sedici, ci siamo aggirati per i vari punti sosta raccogliendo dati ed informazioni sui flussi che si sono verificati in ogni centro quale rispecchio dell’andamento della giornata.

La cerimonia del mattino, con l’inaugurazione del monumento ai quattro piloti montefiasconesi: Cap. Gino Bartoli, Col. P. Scoponi, Mag. Piero Giraldo, Cap. P. Lozzi caduti mentre espletavano il loro servizio nell’Arma, è stata molto commovente, ricca di positivi contenuti e valori, sottolineati sia dal sindaco Paolini che dal Vescovo Fabene nel loro breve discorso di circostanza. Elementi che hanno scosso l’animo di tutti i presenti appartenenti alle più svariate Associazioni, più o meno direttamente legate, all’Aeronautica Militare. Il vescovo F. Fabene ha benedetto il monumento, mentre il sindaco M. Paolini, accompagnato da Sua Ecc.za il Prefetto dott. Giovanni Bruno e dal Generale Divisione Giorgio Baldacci Capo del V° Reparto Stato Maggiore delegato dallo Stato Maggiore Aeronautica, hanno depositato una corona d’alloro ai piedi del monumento stesso. Oltre le molte Associazioni legate all’Aeronautica erano presenti tutte le autorità militari e civili locali.

Un posto di rilievo nel presenziamento della cerimonia, molto giustamente, è stato riservato ai parenti dei caduti. In questo contesto non si può non elogiare ed al tempo stesso non dare merito a tutti coloro che hanno avuto questa bell’idea di realizzare questo monumento e porlo in un punto cruciale del lungolago, ove riscuote molta visibilità sia da parte dei cittadini di Montefiascone, sia parte di tutti i turisti che si recano a gustarsi la quiete e la limpidezza delle acque dei circa sette Kmetri del lungolago insistente nel comune di Montefiascone, anche se, nelle immediate vicinanze, spiccava qualche elemento di disturbo e disdoro che, con un pizzico di attenzione in più, lo si poteva benissimo rimuovere.

Nello svolgere le nostre indagini, al fine statistico, si è rilevato che dai cinque punti sosta, con proseguimento su navetta, hanno raggiunto le rive del lago, circa tremila persone.

Si è notata una grande presenza di persone in vari punti strategici della città e, stando ad alcuni voci, una forte presenza di persone, sembra, ci sia stata nella zona dei Comuni di Marta e Capodimonte, suffragando quanto il nostro esperto ci aveva consigliato in un incontro di qualche giorno fa. Tutti si è convinti, e noi lo auguriamo di vero cuore, che, nella giornata di domani, con la manifestazione ufficiale, tutti i suddetti dati, sicuramente, miglioreranno.

Pietro Brigliozzi
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email