E’ sera, il sole è scomparso all’orizzonte, la luna dorme ancora, il cielo è stellato, il buio s’infittisce con l’avanzar della notte, lo sguardo di qualche amante della natura notturna si alza verso le vette della città, ove tu, con la tua Rocca, siete il simbolo della grandezza di cui la città ha goduto nei tempi che furono.

Tu sei li, fai bella mostra di te. Il buio che per tante, troppe sere ti nascondeva nelle sue pieghe, questa sera è scomparso, risplendi, sei viva, piena di luce, ti stagli verso il cielo quasi a dire, a canto alla terza cupola d’Italia, ci sono anch’Io; siete due perle che fate grande la città, due segni, che imperiosamente vi mostrate all’attenzione di chi, nel silenzio della notte, nel buio che la caratterizza, siete sempre lì a raccontare la vostra storia, a testimoniare la storia della città.

Venti, pioggia, nuvole, ti hanno rivestita, ma sempre più bella ne sei uscita. Non sei più integra, ma sei sufficientemente completa per testimoniare tanti anni gloriosi, di rimembrare tanti più o meno lontani accadimenti, quale pilastro fermo e possente hai sfidato le intemperie del tempo, non ti sei fatta intimidire dal ferro dei combattenti.

 

Papi, Re, Sante e Regine son passati per le tue mura, frecce velenose sono partite dalle tue feritoie, agli sguardi attenti di chi scrutava l’avvicinarsi del nemico, hai offerto l’immenso spazio che ti circonda, hai subito delle ferite, ma non la distruzione, sei punto di riferimento per i turisti e pellegrini, che, giunti nella città della quale ancora oggi, simbolicamente, ne sei la difesa, non possono fare a meno si salire fin sulla tua vetta, punto dal quale lo sguardo attonito, occhi increduli spaziano dal Tirreno al Terminillo dai Cimini all’Amiata, la tua vetta apre, fa volare il pensiero per ogni dove, il tuo culmine riempie la mente di meraviglia ed i polmoni si riempiono di aria pura, sei li per dire a tutti: Montefiascone è grande.

Per queste Feste Natalizie, Montefiascone ha voluto dirti grazie di tutto ciò, rivestendoti di luce, quella luce che ti mancava ma che tu, comunque, ne eri foriera. Montefiascone, la sua Amministrazione del sindaco Paolini, quasi interpretando i sentimenti di tutti i cittadini, così, vuol dirti Grazie.

 

Un grazie che vale secoli di storia, un grazie che riconosce secoli di vita, un grazie che vuol significare: Montefiascone è attenta ai suoi monumenti e prima o poi sa rendere loro il dovuto merito.
Torre del Pellegrino! il nostro augurio che queste luci non siano un momento, ma rimangano per sempre accesi su di te per dirti quel GRAZIE che meriti. 

 

Pietro Brigliozzi

 

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email