Ronciglione, in uno dei Borghi più belli d’Italia, si rivivrà un Presepe Vivente unico nel suo genere, in chiave medievale, nelle giornate del 26 Dicembre 2022 e del 6 Gennaio 2023. L’evento, giunto alla sua VI edizione, riprende vita nell’antico borgo del paese, dopo due anni di fermo per la pandemia.

Una tradizione ormai consolidata – ha dichiarato il sindaco Mario Mengoni – che torna ad animare il nostro borgo medievale dopo due anni di stop, con ancora più novità ed entusiasmo. Si tratta di un’esperienza unica nel suo genere, che si differenzia dagli altri presepi viventi del territorio in quanto vuole ricostruire l’ambientazione di una Ronciglione medievale, mostrando ai visitatori antiche arti, mestieri e tradizioni, in quello che oggi è uno dei Borghi più belli d’Italia. Ringrazio gli organizzatori e tutti i cittadini che si sono impegnati in questi mesi per riportare questo evento magico nella nostra città. Sarà un’occasione per vivere insieme la magia del Natale ed accogliere i numerosi visitatori in uno scenario davvero unico”.

Il viaggio nel medioevo al Borgo di Ronciglione avrà inizio proprio ai piedi della maestosa Rocca, un suggestivo castello di origine medievale detto “i Torrioni”, che sarà possibile visitare al suo interno, con musiche medievali, stanze trasformate e addobbate a festa e un tipico banchetto accompagnato da danze popolari secondo l’uso medievale, il tutto rappresentato da nobili figuranti in costume d’epoca.

Si prosegue il percorso al “Borgo di Sopra” e, sbirciando all’interno delle abitazioni, si potranno scorgere gli oggetti d’un tempo e fare un vero e proprio tuffo nel passato, tra vicoli, vicoletti, graziose piazzette avvolte da un’atmosfera di luci soffuse, fiaccole, candele. Ci saranno le arti e i mestieri di un tempo, come il fabbro, falegnami, ramai, ceramisti, pastori, mastri orafi e tanti altri.

Il percorso, totalmente rinnovato, si concluderà al “Borgo di Sotto” nella graziosissima Piazzetta degli Angeli, il cuore del borgo medievale, dove si potranno degustare alcuni prodotti tipici locali accompagnati da un caldo vin Brulè. Ingresso libero.

Articolo precedenteLa favola del lupo cattivo
Articolo successivoAil Viterbo, vendute 7mila stelle di Natale