RONCIGLIONE – “Si è svolto presso la Sala consiliare del Comune di Ronciglione, colma di cittadini, il 1° incontro pubblico che la nuova amministrazione di Ronciglione, guidata dal Sindaco Mengoni, ha indetto per informare sulla situazione finanziaria del Comune. Il Sindaco ha relazionato con precisione sul bilancio.

Alla discussione hanno partecipato molti cittadini richiedendo chiarimenti e suggerendo proposte.

Abbiamo dalla relazione del Sindaco e dagli interventi di esperti amministrativi quali il rag Alberto Aramini per anni segretario presso la Comunità Montana dei Cimini, constatato quello che da tempo riteniamo sia stato il problema principale del Comune di Ronciglione. Prima di tutto la mancata trasparenza e rispetto al tema la non grande competenza dei dirigenti preposti.

Le anticipazioni di cassa, infatti, divenute la regola, quando il ricorso ad esse sarebbe dovuto essere un fatto straordinario, anno dopo anno, hanno portato ai debiti attuali a fronte delle mancate entrate stanziate da altri enti (provincia e regione.

Desideriamo complimentarci con il Sindaco e la nuova amministrazione per aver iniziato col piede giusto.

La trasparenza e l’informazione sono la cosa più importante che chiediamo e che chiedono i cittadini.

In tema di informazione e trasparenza dobbiamo esprimere il nostro disappunto per il fatto del quale siamo venuti a conoscenza. L’ex Sindaco Giovagnoli in data 8 giugno, spedita il 9 giugno 2017 per PEC, due giorni prima delle elezioni amministrative, ha inviato una lettera alla Talete richiedendo alla società di prendere in carico definitivamente l’acquedotto comunale, compresi i pozzi, i filtri e le prese dal lago. Un atto esecrabile, perché se verrà attuato comporterà l’aumento immediato delle tariffe, così come è avvenuto nei comuni dove la gestione è in mano alla Talete.

Per fortuna ciò potrà essere bloccato. Ed è quello che chiediamo venga immediatamente fatto dalla attuale maggioranza.

I problemi dell’acqua potabile, della captazione dal lago di Vico e del risanamento ambientale dello stesso, a nostro parere, non potranno più essere messi in sordina e dovranno essere affrontati con urgenza e prioritariamente. Il Comune dovrebbe quindi chiedere con determinazione alla Regione e allo stato piena collaborazione.

Ci sono poi alcune questioni, anche queste da affrontare con urgenza: il funzionamento a pieno regime del depuratore fognario, se necessario ampliamento e spostamento ancora più a valle; il problema non più accettabile del Rio Vicano in estate in secca, contrariamente all’inverno.

Infine le questioni che riguardano lo sviluppo economico del paese: un piano urbanistico commerciale che darebbe nuova vita al centro storico; la valorizzazione dei beni culturali e ambientali che abbiamo, lago di Vico, Vallone del Rio vicano, Ponte in ferro unico al mondo; impegno per il riequilibrio del territorio dei Monti Cimini e quindi la riapertura della Ferrovia Civitavecchia CapranicaSutri Orte, per la quale richiediamo una presa di posizione netta da parte del Comune di Ronciglione.

Abbiamo nell’incontro appreso la situazione finanziaria del Comune, molto difficile.

Riteniamo però la riunione odierna indicativa del modo come l’amministrazione Mengoni intende lavorare. lo consideriamo valido, perché ci sembra di capire che il primo impegno sia per la trasparenza degli atti amministrativi.

Importante a parere dei socialisti è che la maggioranza non si arrocchi e che accetti la collaborazione di tutti cittadini, partiti, movimenti e comitati”.

Raimondo Chiricozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email