VITERBO – A mano a mano che mi capita di approfondire la riforma della Costituzione, mi monta dentro una sorta di irosa angoscia, per la pervicacia all’errore, la determinazione alla confusione e la furia iconoclasta, esercitata su un testo…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteAcquapendente, convocato per giovedì il Consiglio comunale
Articolo successivo“Pronti a consegnare le firme contro la casa d’accoglienza in via Bianchi”