REGIONE – “La presenza di tante amministrazioni comunali presenti stamani alla prima edizione laziale della campagna Comuni Ricicloni è il segno positivo che stiamo andando nella direzione giusta, ed il numero di Comuni che hanno risposto all’indagine rappresenta più del 70% della popolazione regionale ci restituisce un risultato incoraggiante”, dichiara Cristiana Avenali (foto), consigliera regionale, che questa mattina ha preso parte alla premiazione dei Comuni Ricicloni nel Lazio organizzata da Legambiente Lazio in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche del Territorio, Mobilità e Rifiuti della Regione Lazio.

 

“L’iniziativa di questa mattina è infatti importante non solo per monitorare la diffusione della raccolta differenziata nella nostra regione, ma anche per valutare gli effetti delle politiche che mettiamo in campo e capire come procedere. Molte amministrazioni hanno infatti compreso quanto lavorare per ridurre e riciclare i rifiuti sia fondamentale non solo a livello ambientale, ma anche dal punto di vista economico, considerando ad esempio che il costo specifico di gestione della frazione indifferenziata è di 22,35 eurocentesimi/kg a fronte di 18,38 eurocentesimi/kg nel caso di frazioni differenziate (dati ISPRA 2014), ed è stato bello questa mattina l’entusiasmo dei vincitori ma anche l’impegno dei Comuni non premiati a migliorare il loro risultato per essere i vincitori della prossima edizione”.

 

“Sono 11 i Comuni premiati per aver raggiunto il 65% di raccolta differenziata, altri per le buone pratiche messe in atto e per la minor produzione pro capite di rifiuti, ed un altro dato importante da sottolineare é che il 60% dei Comuni che hanno risposto al questionario hanno attivato il compostaggio domestico e quindi nei fatti ridotto la percentuale di rifiuti. Oggi, però, è stato importante anche veder partecipare tanti Comuni che non sono stati premiati, e che possono recepire le buone prassi di altri Comuni e seguirne l’esempio – continua Avenali – il coinvolgimento delle amministrazioni e della popolazione è fondamentale per la buona riuscita di una politica di gestione dei rifiuti innovativa e sostenibile.”

 

“Come Regione abbiamo già messo in campo politiche molto concrete per cambiare la gestione dei rifiuti, che al nostro arrivo versava in una situazione davvero disastrosa. Nel giro di due anni la percentuale di raccolta differenziata complessiva del Lazio è salita dal 22% al 39% secondo il dato stimato dal rapporto sul campione che ha partecipato al l’indagine, ed i 150 milioni stanziati per il triennio 2015-2017 sono finalizzati proprio ad incrementare la percentuale di raccolta differenziata per raggiungere gli obiettivi di legge. Lo scorso novembre abbiamo presentato le Linee Guida per la prevenzione e riduzione dei rifiuti, volte a realizzare iniziative concrete a servizio dei cittadini che possono creare anche occupazione e che adesso richiedono finanziamenti per essere attuate.”

 

“La strada è tracciata, grazie al lavoro del Presidente Zingaretti e dell’Assessore Civita, dobbiamo proseguire in questa direzione, puntando su premialità da riconoscere ai Comuni più bravi e penalità da applicare a chi non si impegna, copiando interventi attuati da altre regioni come la rimodulazione dell’ecotassa da abbassare in maniera progressiva a chi raggiunge elevati livelli di raccolta differenziata e da alzare a chi invece continua a rimanere su livelli molto bassi per stimolare così i Comuni verso una gestione del comparto rifiuti moderna e sostenibile e supportarli per dare ai cittadini del Lazio un servizio di maggior qualità, un ambiente più sano ed una politica dei rifiuti innovativa e sostenibile” conclude Avenali.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email