Nella cornice del Balletti Park Hotel a San Martino al Cimino ottima occasione per il Club Panathlon di Viterbo di festeggiare il Giovedi grasso, però con lo spirito del Club di conoscere ed approfondire una disciplina sportiva.

E’ stata quindi la volta che lo sport “Danza sportiva”, la cui disciplina federata al Coni come FIDS Federazione Italiana Danza Sportiva, è rappresentata a Viterbo dalla sig.ra Simona Bonta’ e dal socio Panatleta Alberto Pugliesi pioniere della specialità e fondatore della Delegazione FIDS di Viterbo.

Sono stati ospiti del Presidente del Club di Viterbo Dr. Angelo Landi, il Presidente del Rotary Club di Viterbo avv. Andrea Micci, il Geom. Domenico Palazzetti Presidente della Sezione Unione Nazionale Veterani dello sport “G. Vismara” di Viterbo.

Ha illustrato la disciplina sportiva la Delegata provinciale Bontà che ha introdotto gli atleti per una Sequel di esibizioni offerte dalle scuole di danza della Tuscia.

Meravigliosa prestazione di tutte le coppie: quella di Michele Fanelli ed Azzurra Spagna nel Cha Cha e Samba, quella romantica nel Valzer viennese, Valzer lento e Tango di Roberto Scorzosi in coppia con Elisa Marini, e di Andrea Giordano con Elisa Marini, nonché quella coinvolgente nella Rumba e balli latini quella dei Campioni Italiani Simone Boccialoni e Greta Fiore. Nella categorie “stelle nascenti” Gabriele Camilli e Sara Pisanu hanno dato prova di essere bravissimi in un mix di balli classici.

Da ultimo, dopo che i presenti alla serata erano stati invitati anche loro a ballare con gli atleti la NEW Dance A.L.B.A. hanno presentato in un assolo di Chiara e Caterina la Salsa Shine portoricana.

L’accompagnamento musicale con la fisarmonica è stato del maestro Gianfranco Pirroni e Mimmo.

Il Presidente Landi con l’aiuto dei suoi Consiglieri e del segretario Bandini ha dato a tutti i partecipanti riconoscimenti.

Ottima occasione per far conoscere una disciplina sportiva di recente costituzione, ma certamente il ballo in genere è nella nostra tradizione nazionale un imprenscindibile culturale.

Commenta con il tuo account Facebook