Il Comune di Bagnoregio fa proprio l’appello lanciato in queste ore dal sindaco Paolo Dottarelli, condiviso da altri primi cittadini della Tuscia, per la difesa del lago di Bolsena dai possibili rischi derivanti dalla realizzazione del tanto discusso impianto geotermico di Castel Giorgio.

“Occorre prendere tutte le precauzioni necessarie e vigilare in maniera attenta sulla preservazione del territorio, perché è la nostra unica e vera ricchezza. L’ambiente incontaminato così come l’agricoltura di qualità sono gli asset di crescita su cui la Tuscia può e deve puntare grazie a uno sviluppo turistico che come Bagnoregio abbiamo dimostrato essere possibile.

Se permettessimo azioni e interventi portatori di possibili rischi di compromissione della salubrità e della godibilità dell’area viterbese allora avremmo perso anche questo treno, condannando a morte vera un’intera provincia. Avremmo preso una decisione, anche rimanendo fermi e insensibili a quanto accade, che rovina non solo noi ma pure i nostri figli e i nostri nipoti.

Il lago di Bolsena va difeso perché rappresenta uno dei cuori della Tuscia. Va protetto senza se e senza ma. Tutte le istituzioni locali devono unirsi in una lobby sana, perché la tutela del nostro ambiente è la base degli interessi dei nostri cittadini e di noi tutti. Bagnoregio è pronta a lottare, in ogni modo, al fianco di tutti gli altri comuni del Viterbese”. Queste le parole del sindaco Luca Profili.

Commenta con il tuo account Facebook