MONTEFIASCONE – Nella vita c’è sempre da imparare, recita un vecchio adagio, ed è proprio vero; basta passeggiare sul lungolago di Montefiascone per averne un’altra conferma.

Nei pressi di un noto ristorante, fin dall’inizio dell’estate, in uno spazio abbastanza riservato nel degrado, tra le altre cose, si possono ammirare almeno tre vecchie barche in vetroresina ammucchiate l’una sul’altra in modo caotico.

Abbiamo interpellato il responsabile della Polizia Provinciale Ittica, il quale ci ha riferito che egli aveva già fatta opportuna segnalazione al sing. sindaco M. Paolini visto che è compito dell’Amministrazione provvedere alla rimozione ed al regolare smaltimento nell’apposita discarica di detti materiali.

E’ passata ormai tutta la stagione turistica estiva, le barche hanno fatto bella mostra di se ed ora sono ancora li, forse in attesa di mostrarsi ai turisti di questo scorcio di bassa stagione, e, forse, anche per la prossima.

A coronamento di tutto questo, diversi giorni or sono, qualcuno, pensando di dare ancora più visibilità all’area, vi ha scaricato anche un pò di materiale residuo di qualche piccolo lavoro edile.


Come se tutto ciò non bastasse, per dare ulteriore decoro alla zona, in questi ultimi giorni, qualcuno ha ben pensato di scaricarvi anche un mucchio di mele raccolte chissà dove, ma, comunque, viene da pensare, sotto qualche albero della zona ed emanano un buon leggero profumo di “fracicume”.

Quell’angolo, ora, è veramente dignitoso e certamente una buona e positiva carta da visita per coloro che amano passeggiare in quel tratto di lungolago, cittadini montefiasconesi o turisti forestieri che siano.

Più di qualche cittadino ignaro di burocrazia, almeno facendo finta di non saperne, ha commentato: cos’è questo schifo, possibile che non vi è istituzione alcuna che deve provvedere alla bonifica di quest’area?

Si può tenere una zona di passeggio, tra l’altro gradevole, con questi sprazzi a mo di mondezzaio?

Ma la Polizia Urbana e le altre forze dell’ordine che devono tutelare l’ambiente e la sua salubrità, non vengono mai da queste parti?

Gli Amministratori Locali Comunali non vengono mai a passeggiare in questa zona? Non vedono? Tutto va nella beata quiete del non volutamente vedere? Del non volutamente sapere? Del non volutamente agire?

Non sta a noi rispondere a questi interrogativi, comunque significativi, ne vogliamo farlo.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email