“Non accettiamo assolutamente l’ipotesi che il nostro comune possa essere individuato tra quelli potenzialmente adatti ad ospitare un deposito nazionale di scorie nucleari”.

E’ dura la reazione dell’assessore Ilaria Tranfa alle notizie circolate sulla stampa stamattina.
“Vasanello compare, infatti, nell’elenco pubblicato dalla Sogin, società di Stato incaricata dello smaltimento degli impianti nucleari e della messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi.

Questa scelta scellerata comporterebbe conseguenze irreparabili per il nostro comune, a vocazione agricola e caratterizzato da importanti siti di interesse archeologico, oltre a rappresentare un abuso.
L’amministrazione, infatti, già da tempo si è dotata di un piano di regolamentazione fitofarmaci, che limita ed in alcuni casi vieta specificamente l’utilizzo di diserbanti, pesticidi e quant’altro possa nuocere, in maniera devastante il nostro territorio, figuriamoci un deposito di rifiuti pericolosi.
E’ mia intenzione chiedere la convocazione di un consiglio urgente sul punto ed incaricare un avvocato che possa assisterci nell’azione di opposizione a questa decisione.
Se ciò non dovesse bastare – conclude l’assessore Tranfa – siamo pronti a mobilitarci in maniera compatta per manifestare il nostro dissenso, se dovesse servire faremo anche delle barricate per difendere il nostro amato paese.”