VITERBO – “In questi giorni stanno emergendo nuovi preoccupanti problemi per i servizi psichiatrici di Viterbo. Una disposizione del Direttore del Dipartimento prevede la presenza di turni “volanti”, nel reparto di psichiatria, degli infermieri che lavorano nei servizi psichiatrici territoriali. Questa novità sembra essere la conseguenza di una visita dei NAS presso il reparto di psichiatria, reparto, ricordiamolo,che dal 2005 dispone di soli 8 posti letto invece dei 16 dovuti.

 

Il reparto per questo motivo e’ quasi sempre in sovraffollamento di pazienti. La soluzione e’ stata quella di chiamare, alla bisogna, il personale infermieristico, dai servizi territoriali psichiatrici . In questa situazione paradossale continua il gioco di tappare un buco aprendone un’altro,creando così un progressivo smantellamento anche dei servizi territoriali come già avviene per altre figure professionali come medici, psicologi, assistenti sociali, su cui saremo costretti a ritornare presto. Riteniamo ancora una volta che questa sia una scelta disastrosa,ribadiamo che il personale mancante deve essere assunto, non sostituito con modalità sempre più rocambolesche.

 

Dispiace che la Direzione Generale ma anche la Regione Lazio stia trascurando vistosamente il settore psichiatrico proprio in un momento storico in cui il disagio psichico aumenta in modo preoccupante. Noi di USb interverremo con tutte i lavoratori che hanno a cuore il destino dei pazienti e degli operatori  per affrontare questa nuova emergenza , invitando la Direzione del DSM e la Direzione Aziendale ad invertire la politica gestionale dei servizi psichiatrici”.

 

Aurelo Neri
U.S.B. Dipartimento Sanità

Commenta con il tuo account Facebook