Oltre ai punti prelievi, aumenta e si differenzia l’offerta di salute, per venire incontro alle richieste dei cittadini e a garanzia delle norme di distanziamento sociale anti COVID. Da domani agli ospedali di Tarquinia e di Acquapendente, l’apertura pomeridiana dei Cup passa da 2 a 5 giorni, dal lunedì al venerdì.

Servizio prelievi, cresce e si differenzia l’offerta di salute nella Asl di Viterbo. A partire dai prossimi giorni, infatti, verrà attivato l’ambulatorio medico mobile che erogherà un servizio itinerante, principalmente nei centri della Tuscia dove si è registrata una maggiore richiesta di accesso alle prestazioni da Laboratorio analisi. L’Azienda comunicherà puntualmente le modalità, il calendario e il programma delle tappe dell’Ambulatorio mobile.

 

Questa nuova soluzione organizzativa è stata pensata e messa in campo ad integrazione del servizio erogato presso i punti prelievo aziendali, nei quali, laddove è presente uno sportello Cup, a partire da oggi è in vigore il nuovo sistema di prenotazione obbligatoria.

 

Sistema che, a sua volta, è stato istituito, nel rispetto delle linee guida governative e regionali, per mantenere alti i livelli di sicurezza legati alle misure di prevenzione anti COVID, al fine di ridurre i tempi di attesa e di accesso nelle strutture. Con la prenotazione l’utente, che necessita di rivolgersi al punto prelievi, può prenotare la prestazione durante tutto l’orario del Cup, scegliendo il giorno, la sede e la fascia oraria.

 

Al Cup il cittadino riceve la conferma della prenotazione, l’etichetta da presentare al momento dell’esecuzione della prestazione agli operatori del Punto prelievo e, se lo desidera, le credenziali per poter scaricare online il suo referto sulla piattaforma della Regione, LazioEscape.

 

Oltre all’ambulatorio medico mobile – commenta il direttore generale della Asl, Daniela Donetti – a partire dai prossimi giorni, potenzieremo il servizio di prelievi a domicilio, in modo che le fasce più deboli della popolazione, a partire dagli over 65, abbiano una risposta al loro bisogno di salute, restando a casa ed evitando di uscire, se non è necessario, in queste settimane nelle quali stiamo registrando delle temperature molto elevate. Attraverso queste nuove forme di presa in carico, vorremmo che trasparisse il nostro sforzo nel fronteggiare una sfida impegnativa: quella di dover ripensare le tradizionali forme di accesso ai servizi sanitari, nel rispetto delle norme anti COVID che tutti noi siamo chiamati a rispettare. Rinnoviamo, quindi, l’invito, laddove è possibile, a utilizzare le piattaforme tecnologiche che la Regione Lazio ha messo a disposizione. Come LazioEscape per il ritiro online dei referti di laboratorio e PagOnline per il pagamento elettronico delle prestazioni già prenotate. Così come è importante che si raggiunga le strutture sanitarie, anche per l’esecuzione dei prelievi, non troppo in anticipo, in modo da contribuire ad evitare che si formino gli assembramenti”.

 

Nel frattempo, proseguono le operazioni di completamento dell’avvio del nuovo sistema ReCup regionale in corso presso la Asl di Viterbo dallo scorso 4 luglio. Da oggi è possibile nuovamente prenotare le prestazioni ambulatoriali e strumentali non urgenti, con classe di priorità D e P, al momento solo recandosi fisicamente ai Cup aziendali. Nei prossimi giorni sarà possibile tornare a prenotare anche telefonicamente, attraverso il numero verde del call center del ReCup regionale 06 9939.

 

Infine, a partire da domani, i Cup di Acquapendente e di Tarquinia incrementeranno l’apertura al pubblico, passando da 2 a 5 giorni di apertura pomeridiana. Nello specifico, gli sportelli, oltre all’orario della mattina, saranno disponibili all’utenza dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle 16,45, per consentire ai cittadini di potersi recare nei presidi più comodamente e per ridurre la possibilità di formazione di code.