La nausea è un disturbo molto comune, caratterizzato da una sensazione di spossatezza e si manifesta con vertigini, sudorazione eccessiva, abbondante produzione di saliva e il forte disgusto verso alcuni alimenti o odori.

I fattori scatenanti che si celano dietro questo disturbo possono essere diversi, a partire dai fattori emotivi fino all’assunzione di farmaci o a causa di stimoli prodotti da disturbi gastrointestinali, renali e cardiocircolatori. Tra le principali cause della nausea rientrano anche determinati problemi psicologici e lo stato di gravidanza, quest’ultimo in particolare rappresenta un fattore d’origine molto diffuso.

Nei prossimi paragrafi vedremo nel dettaglio come far passare la nausea e quali sono le malattie associate a questo disturbo, che possono rappresentare l’origine del problema.

Le cause e le malattie associate alla nausea

I meccanismi che si trovano alla base della nausea sono molto complessi da comprendere, perché le cause che possono contribuire alla nascita di questo disturbo possono comprende lo stato psicologico dell’individuo, il sistema nervoso, il sistema endocrino o l’apparato digerente.

Fra le cause più comuni che si celano dietro la nausea troviamo i disturbi della digestione, l’influenza e anche lo stress. Anche alcune patologie possono nascondersi dietro la nausea, come l’intestino irritabile, la gastrite o i disturbi della mucosa gastrica.

Le malattie associate a questa malattia possono essere diverse, tra cui: i calcoli renali, la cefalea, la cirrosi epatica, la colica renale, l’epatite, la fibrosi cistica, la gastrite, l’insufficienza renale, le intolleranze alimentari e le allergie, la pancreatite, il reflusso gastroesofageo, problematiche legate al pancreas, allo stomaco, all’esofago e all’ovaio.

I rimedi contro la nausea

Per trovare un rimedio alla nausea è fondamentale scoprire la sua origine: se, ad esempio, la causa responsabile è rappresentata dagli alimenti o dagli odori, è consigliabile allontanare questi elementi per gestire meglio il disturbo.

Quando la nausea è scatenata da una cura farmacologica, invece, è consigliato consultare immediatamente il medico per comprendere come agire e se esiste la possibilità di sostituire la cura o di comprendere nel trattamento un rimedio per la nausea.

Gli episodi occasionali legati alla cattiva digestione, possono essere risolti attraverso una bevanda calda o con l’utilizzo di farmaci che favoriscono lo svuotamento gastrico e inibiscono il senso di nausea.

Un fattore fondamentale che contribuisce ad alleviare il disturbo è l’idratazione adeguata, per questo motivo gli esperti consigliano di bere a sufficienza e a piccoli sorsi per tutta la giornata. È possibile idratarsi con acqua, acqua calda e limone, tisane, tè o camomilla.

Da evitare, invece, cibi e bevande che possono creare ulteriori disturbi di stomaco come gli alimenti ricchi di grassi, i cibi molto conditi, gli alimenti caratterizzati da un odore molto forte, cibi speziati e piccanti, bevande con caffeina, alcolici e bevande gassate.

Quando il senso di nausea è provocato da uno stato di gravidanza oppure è ricorrente, è consigliato rivolgersi al medico di fiducia per richiedere ulteriori accertamenti o per seguire delle indicazioni specifiche in base alla situazione e alla condizione di salute.

 

Articolo precedenteProsegue la campagna elettorale di Frontini e gli appuntamenti con “È ORA”
Articolo successivoUcraina, una tragedia. Una storia e che bella storia!