Roberto Talotta

VITERBO – “Fino a pochi anni fa, la Sanità viterbese poteva avvalersi della preziosa attività svolta da istituti accreditati, tra i quali Villa Buon Respiro, Villa Rosa, Villa Immacolata, Villa Paola, clinica Nuova Santa Teresa e Salus, strutture che hanno fornito il loro apporto specialistico e la disponibilità di posti letto, rivelatisi di fondamentale utilità alla luce dei notevoli tagli imposti da un “piano sanitario regionale”, particolarmente severo per Viterbo e la sua Provincia.

 

Ma questa preziosa cooperazione, ormai, si è ridotta al lumicino se è vero, com’è vero, che un giorno sì, e l’altro pure, vuoi per interventi governativi, vuoi per provvedimenti regionali, livelli assistenziali, posti letto, risorse economiche e risorse umane, registrano una progressiva e inarrestabile limitazione, con la percezione di “buona sanità” davvero ai minimi termini.

 

Ai più attenti, di certo, non è sfuggito l’abusato ricorso alla Prefettura, spesso invocata come ultima possibilità istituzionale per invalidare quelle operazioni che, diciamola tutta, all’interno delle strutture sanitarie accreditate, hanno causato riduzione e licenziamenti di infermieri, tecnici e altri operatori, chiusura di servizi, calo dei livelli assistenziali e sostegno alle attività amministrative a scapito di quelle preposte alla cura e alla sicurezza dei malati.

 

Tanto per calarci nel concreto, a Villa Rosa, l’inconcepibile si è tradotto in gravosa realtà con il licenziamento finanche di tecnici di radiologia e l’affidamento a “ditte esterne” di altro personale; Villa Immacolata, con la nuova gestione, ha bandito le assunzioni per le sostituzioni stagionali e, paradossalmente, ha diminuito il numero degli “assistenti di reparto” trasferendone alcune unità nei servizi amministrativi; Villa Paola, la famosa clinica dermopatica, acquistata dalla Fondazione Padre Luigi Monti, è costretta a mettere in “cassa integrazione” infermieri, togliendone altri addirittura dagli ambulatori specialistici; Villa Buon Respiro alle prese sempre con il ritardato pagamento degli stipendi e con la reiterata richiesta di riduzione di dipendenti e di prestazioni; la Nuova Santa Teresa, sicuramente il presidio sanitario più a “norma” della Provincia, continua ad essere la “cattedrale nel deserto”, costretta a ridimensionare gli organici per…mancanza di degenti, magari di quegli stessi malati che, per giorni e giorni, presso Belcolle stazionano nei corridoi o sulle barelle; per la clinica Salus, stessa sinfonia e stesso triste destino.

 

Di tale rovinosa situazione, che scarica i suoi disgraziati effetti sulla gente che soffre e sugli stessi operatori sanitari, esasperati, umiliati, intimiditi e sfruttati, nonostante i continui ammonimenti delle Organizzazioni Sindacali per la difesa dei diritti più elementari dei malati e degli stessi Lavoratori, sembra non incomodare più di tanto la Politica in generale ed anche la nostra Amministrazione Comunale, dove si è persa ogni forma di dignità e di buon senso politico nell’ignorare colpevolmente emergenze così disastrose per l’intera comunità”.

 

Roberto Talotta (foto)
Responsabile Dipartimento Sanità di FondAzione per la Tuscia

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email