CIVITA CASTELLANA – L’amministrazione comunale di Civita Castellana esprime la sua vicinanza e la partecipazione al dolore della famiglia di Luca Graziosi, il ragazzo di Castel Sant’Elia che frequentava l’Istituto Besta di Civita Castellana, deceduto la notte scorsa probabilmente a causa di una meningite fulminante.

 

In merito alla situazione di allarme venutasi a creare a seguito di questo inaspettato quanto tragico evento, l’amministrazione informa che la Asl ha segnalato che non c’è alcun rischio per le scuole. E’ previsto un protocollo sanitario, illustrato dalla Dirigente del Dipartimento Prevenzione della Asl, U.O. Coordinamento Vaccinazioni e int. Sanità Pubblica, la quale ha precisato che non c’è alcuna necessità di provvedere alla chiusura delle scuole. Di seguito si rendono note alcune indicazioni fornite dalla Asl al Comune di Civita Castellana.
La meningite meningococcica si trasmette per contatto diretto, tramite goccioline nasali e faringee ed è caratterizzata da un periodo di incubazione variabile tra 2 e 10 giorni, solitamente 3-4 giorni.

 

In tale situazione è necessario individuare i soggetti da sottoporre a chemioprofilassi al fine di evitare casi secondari, peraltro infrequenti. Contatti stretti considerati ad alto rischio sono i contatti conviventi e altri soggetti con esposizione diretta alle secrezioni del paziente affetto ( es. attraverso baci, condivisione dello spazzolino da denti, delle posate). Per questi soggetti è indicata la chemioprofilassi.

 

Contatti a basso rischio per i quali invece la chemioprofilassi va valutata sono i seguenti: contatti casuali, nessuna storia di esposizione diretta alle secrezioni orali del malato, per esempio compagni di classe o di lavoro; contatti indiretti che hanno avuto un rapporto esclusivamente con un contatto ad alto rischio, ma nessun contatto diretto con il paziente. Per chi non ha avuto contatti ad alto rischio vale la sorveglianza sanitaria per dieci giorni tramite i propri medici curanti, che valuteranno l’opportunità di sottoporre a chemioprofilassi i soggetti non definiti come contatti stretti. E’ possibile avere informazioni ( e somministrazioni nei contatti a rischio) sui farmaci da utilizzare per la chemioprofilassi presso la sede Asl di Civita Castellana in via Petrarca, stanza n. 14, tel. 0761592346. Poiché l’agente eziologico sospetto (meningococco) è estremamente labile, sono del tutto inutili interventi quali disinfezione dei locali o chiusura delle scuole.

Commenta con il tuo account Facebook