Oggi un nuovo incontro che va a confermare l’attento lavoro in stretta sinergia portato avanti tra AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla sezione provinciale di Viterbo e la direzione Generale della ASL di Viterbo.

A sottoscrivere la carta, Daniela Donetti Direttore Generale della ASL di Viterbo, Vito Di Noto per la Sezione viterbese dell’AISM e Francesco Borzacchini, referente nazionale per le regioni Lazio, Umbria e Toscana.
Alto l’impegno che da tempo, grazie all’introduzione PDTA-R (Percorso Diagnostico Terapeutico e Riabilitativo), sta garantendo una migliore presa in carico multidisciplinare e quindi una migliore qualità di vita a tutte le persone coinvolte nella SM.

Nonostante gli ottimi risultati ottenuti, grazie al tavolo di monitoraggio dello stesso percorso, siamo sempre a migliorare le diverse specificità partendo da un’attenta analisi dei bisogni delle persone con SM che la sezione provinciale AISM porta avanti con le stesse grazie alla relazione continuativa.

Con la sottoscrizione di questo documento, si va quindi a formalizzare un’attività che ci lega da tempo e doverosa nei confronti di tutti i diversi stakeholders coinvolti.

La ASL di Viterbo così come il Comune, la Provincia e i Comuni Capo Fila socio sanitari provinciali, concorrono per l’affermazione dei diritti di tutte le persone coinvolte nella SM dell’intero territorio ed è grazie anche a questa nota che AISM, vuole essere sempre più prossima e capillare spiegando che la sezione AISM territoriale, deve diventare punto di riferimento e di confronto.

Solo così, gradualmente, riusciremo a raggiungere un numero sempre più alto di persone con SM e a fare un’attenta analisi dei bisogni garantendo una corretta risposta.

Nella carta dei diritti si parla di:
1) Diritto alla salute;
2) Diritto alla ricerca;
3) Diritto all’autodeterminazione;
4) Diritto all’inclusione;
5) Diritto al lavoro;
6) Diritto all’informazione;
7) Diritto alla partecipazione attiva.

“Solo lavorando in rete, riusciremo a cambiare la realtà della SM”