Al via sabato 24 ottobre, alle ore 17, al teatro comunale “Rossella Falk” di Tarquinia con lo spettacolo di Segno in Segno della compagnia Giallo Mare Minimal Teatro di Empoli. Tema del festival “Siamolegami”

“Pagine a colori” cambia pelle ma non anima. Il festival della letteratura e delle arti visive, che si svolge a Tarquinia, diventa digitale, per le disposizioni anticovid. Gli incontri con autori, i laboratori didattici, la mostra con gli illustratori e gli spettacoli saranno fruibili online sul sito internet della manifestazione, che non rinuncia però del tutto agli eventi aperti al pubblico, ai quali sarà possibile partecipare esclusivamente con prenotazione.

“Siamolegami” è il tema della 15esima edizione, declinato in vari modi: relazione sociale e affettiva, comunicazione, vincolo e di appartenenza a luoghi e tempi “altri”, ma anche al pianeta e ad un ecosistema complesso e in crisi, nel segno della natura, dell’ambiente, della biodiversità, della tutela delle specie viventi in via di estinzione;  legami anche come nessi logici che regolano o dovrebbero regolare le azioni umane e i fenomeni naturali; come condizione alla base della convivenza civile nel senso dello stare insieme, del fare comunità, della solidarietà, della responsabilità, del condividere regole e rispettarle per tutelare la libertà di ognuno.

L’inaugurazione della rassegna sarà sabato 24 ottobre, alle ore 17, al teatro comunale “Rossella Falk” di Tarquinia, con la presentazione degli eventi e, alle ore 17,30, dello spettacolo per famiglie Di Segno in Segno della compagnia Giallo Mare Minimal Teatro di Empoli, con Vania Pucci e Adriana Zamboni (obbligatoria la prenotazione chiamando ai numeri 0766 849283 o 0766 849284 o scrivendo a [email protected] Il teatro avrà una capienza ridotta per assicurare il rispetto del distanziamento sociale, l’utilizzo di dispositivi di protezione individuali, le condizioni igienico sanitarie idonee e adeguate alle norme vigenti per il contrasto alla diffusione del coronavirus).

“Sarà un’edizione speciale di “Pagine a colori”, che non rinuncia però alla sperimentazione, alla fusione dei linguaggi di espressione attraverso modalità di fruizione nuove, che mescolano contenuti dal vivo e digitali da fruire sul sito internet del festival – spiega la direttrice artistica Roberta Angeletti -. La mostra degli illustratori sarà virtuale. Il tema “Siamolegami” ha guidato la scelta di libri, illustratori, autori e ospiti in modo da consentire riflessioni, collegamenti, confronti e attivazione di esperienze mirate a sviluppare da ogni angolazione possibile il percorso scelto. Prosegue anche quest’anno la collaborazione con l’IISS “Vincenzo Cardarelli” di Tarquinia”.

“Pagine a Colori è diventato un festival che ha avuto una significativa risonanza ben oltre il Lazio, promuovendo la conoscenza del linguaggio dell’illustrazione come riconosciuta forma d’arte – dichiara l’assessora alla cultura del Comune di Tarquinia Martina Tosoni -. Le riflessioni sulle tematiche connesse alla lettura, le occasioni di dibattito e di conoscenza per gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, gli insegnanti, le famiglie, gli educatori, gli operatori del settore e il pubblico hanno qualificato, sempre di più, anno dopo anno, la rassegna, alla quale l’Amministrazione comunale non farà mai mancare il proprio supporto. L’Amministrazione comunale ha voluto portare avanti questa iniziativa nonostante le enormi difficoltà dovute dall’epidemia covid-19, fermamente convinta che la cultura debba continuare a vivere in tutte le sue forme”.

“Pagine a colori” è organizzato con il sostegno della Regione Lazio e del Comune di Tarquinia (Assessorato alla cultura e biblioteca comunale “Vincenzo Cardarelli”), in collaborazione con l’Associazione Una Primavera per Tarquinia e l’UniCOOP Tirreno – Sezione Soci Etruria. Per rimanere aggiornati sulle iniziative del festival è possibile visitare il sito www.pagineacolori.it o la pagina facebook “Pagine a colori festival”.