VITERBO – Non il solito “Concerto di Natale” quello che il noto Duo “Ut Unum sint – Strumenti di Pace” delle sorelle musiciste e Terziarie francescane Daniela e Raffaella Sabatini rispettivamente pianista e violinista, ha tenuto a Viterbo domenica 24 dicembre alla Sala Mendel del Convento dei Padri Agostiniani, incantando ancora una volta il pubblico presente per la sua peculiare arte interpretativa, ma un autentico evento musicale all’ insegna del grande impegno sociale e culturale oltre che della riscoperta musicologica.

Di straordinario interesse ed originalità infatti il tema scelto per il concerto, “La Natività nella musica dei Santi”, che ha presentato la prima esecuzione mondiale di composizioni per violino e pianoforte scritte da Daniela Sabatini ispirandosi ai Santi che hanno legato il loro nome al Natale : fra queste “San Francesco e il Presepe di Greccio – Tre Laudi natalizie francescane” , (“Cristo è nato et umanato”, “Gloria ‘n cielo e pace ‘n terra”, “Stella nuova ‘n fra la gente”), la “Fantasia su temi natalizi di S. Alfonso Maria dè Liguori” (“Tu scendi dalle stelle, “Fermarono i Cieli”, “Quanno nascette Ninno”), ed un’ autentica preziosità musicologica, la soave “Lode a Gesù Bambino” scritta e composta da San Giovanni Bosco nel 1844, composizione riscoperta da Daniela Sabatini nella sua intensa e sapiente attività musicologica e già eseguita in prima mondiale nell’ originale versione corale dall’ Ensemble “Strumenti di Pace – CorOrchestra francescana” delle stesse sorelle Sabatini. Nella sua prima parte, intitolata “Per un Natale Benedetto”, il concerto ha visto inoltre la prima esecuzione mondiale di altre due geniali composizioni di Daniela Sabatini : la “Messa umile” e la “Sonatina in Diem Nativitatis Christi 2017”, ispirata e dedicata dalla sua autrice a tutti i migranti, visione di un presepe dei nostri giorni e che nei suoi 6 movimenti (“In fuga,
verso una terra di pace”, “La strage degli innocenti”, “Natività”, “… Al freddo e al gelo, cercando un riparo”, “In un paese straniero”, “Migrantes – La Sacra Famiglia”) e nel recitativo per violino solo “Ogni volta che farete questo” tratto dal monito del Vangelo di Matteo ed affidato alla dolcezza e purezza del suono di Raffaella Sabatini esprime in musica il drammatico tema di viva attualità dei migranti ribadito anche dalle parole dell’ Omelia di Natale Papa Francesco e che si pone anche quale omaggio a S. Francesca Saverio Cabrini la
“Santa degli emigranti” della quale il 22 dicembre ricorreva il centenario della salita al Cielo.

La “Messa umile” per pianoforte solo magistralmente interpretata dalla stessa Daniela Sabatini con il suo celestiale tocco pianistico è invece ispirata e dedicata al “Papa pianista” Joseph Ratzinger “per i tanti esempi meravigliosi di umiltà che ci ha dato durante il Suo Pontificato” come disse Papa Francesco donando a Benedetto XVI l’Icona della “Madonna dell’ Umiltà”. Di voluta mozartiana semplicità e candore ispirata anche alle tre Encicliche scritte da Papa Ratzinger ed al testo di una preghiera scritta da Papa Benedetto XVI su “La Madonna dell’ Umiltà”, la “Messa umile” è l’ ennesimo omaggio musicale tributato al Papa Emerito da Daniela Sabatini, autrice anche nel 2005 della pubblicazione “Papa Benedetto XVI : Il Piano di Dio”, prima e finora unica biografia musicale dedicata a Papa Ratzinger musicista. Il “Concerto di Natale”, che sarà seguito a gennaio e per tutto il 2018 da altri eventi delle sorelle Sabatini per “Viterbium in Musica”, ha costituito inoltre l’ evento conclusivo del Festival “Ut Unum sint in Musica”, un’ autentica “Festa di Musica” in onore dell’ amato Papa Emerito Benedetto XVI, una rassegna musicale unica nel panorama
musicale internazionale ideata e diretta dalle stesse sorelle Sabatini in onore del 90° anniversario della nascita del Papa Emerito Benedetto XVI e svolta Duo “Ut unum sint- Strumenti di Pace” e dalla pianista e docente Daniela Sabatini con grande successo fin dal 6 gennaio scorso in varie città italiane fra cui Roma, Viterbo, Norcia, Bagnoregio, Civita, ecc. con eventi musicali, concerti, Seminari di Studi “Il Piano di Dio” ed “Il pianoforte sacro” e conferenze di altissimo livello artistico e culturale, con l’ esecuzione di numerose composizioni di Daniela Sabatini ispirate a dedicate al “Papa pianista” Joseph Ratzinger quali la “Missa Papae Benedicti XVI – MIssa Benedicta”, il dittico “Pro Papa Benedicti XVI”, la biografia musicale “Fides et Musica – Vita e opere di Papa Benedetto XVI”eseguita il 16
aprile scorso nel giorno del 90° compleanno del Papa Emerito, e appunto la “Messa umile”, oltre ad altre sue composizioni ispirate a Santi particolarmente cari a Papa Ratzinger quali San Giuseppe e San Benedetto da Norcia, Suoi Patroni, San Nicola da Tolentino, secondo
Patrono della Baviera, Sua terra natale, e Sant’ Agostino e San Bonaventura da Bagnoregio ai quali il giovane Joseph Ratzinger dedicò i suoi studi e le sue tesi di laurea.

Commenta con il tuo account Facebook