Alfonso Talotta

VITERBO – Il pittore viterbese Alfonso Talotta, è stato nominato per l’anno accademico 2017/2018 il nuovo docente per la scuola di “Pittura” all’ Accademia di Belle Arti “Lorenzo da Viterbo”.

Fondata da Ausonio Zappa nel 1975 questa Accademia ha ottenuto il riconoscimento legale nel 1977/78, grazie anche alla frequenza di studenti come Talotta che, insieme ad altri volenterosi alunni che come lui si erano diplomati presso il Liceo Artistico “Tuscia”, il pomeriggio assistevano alle lezioni dei docenti che venivano da Roma o, come nel caso di Nino Gagliardi, docente di “Pittura”, da l’ Aquila. Bellissimo periodo ricco di fermenti, progetti, con la partecipazione di importanti protagonisti del mondo culturale e artistico come il filosofo Rocco Buttiglione, il sociologo Aurelio Rizzacasa, gli scultori Aldo Caron, Camillian Demetrescu, Michelangelo Conte, Teodosio Magnoni e Alfio Mongelli, gli storici dell’ arte Giuseppe Gatt, Italo Faldi, Anna Lo Bianco, Cesare Milanese e Giulio Mazza, gli scenografi Fabio Vergoz, Francesco Zito e Maria Elena Rainesi, il fotografo Francesco Biganzoli, studiosi della storia del cinema come Luca Verdone, o del teatro come Rino Galli, l’ incisore Luciano Vinardi, l’ architetto Giovanna Scappucci, studiosi della ceramica come Guido Mazza o delle tecniche pittoriche come Rolando Di Gaetani e tanti altri che avevano visto in questa Accademia un nuovo modo di proposta didattica.

Alfonso Talotta, per una sua scelta personale, per una maggiore voglia di misurarsi con altre culture, con un altro ambiente, decise di trasferirsi all’Accademia di Belle Arti di Roma, a via Ripetta, dove si diplomò nel corso di “Pittura” nel 1981. Dopo qualche sporadica partecipazione legata all’ Accademia viterbese, adesso questo importante incarico. Da ricordare che la cattedra di “Pittura”, prima dell’ artista viterbese, ha visto come docenti, tra gli altri, artisti come Luigi Boille, Renzo Vespignani, Achille Pace, Alessio Paternesi, Felice Ludovisi, Matteo Sigismondo Montani e Paolo Angelosanto.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email