L’Azienda Valle del Marta (Tarquinia) per la prima volta a Verona con i suoi pluripremiati distillati. Una storia emblematica di Made in Italy di qualità.

Torna a Verona, dopo due anni di stop, il più grande salone internazionale di wine e spirits che vede il ritorno in presenza. Da domenica 10 a mercoledì 13 aprile Vinitaly riapre le porte e non mancheranno di certo le novità; tra queste anche quella costituita da una piccola realtà laziale che sta ritagliandosi un ruolo da protagonista nell’ambito della produzione di distillati. Stiamo parlando dell’azienda ’’Valle del Marta’’: siamo a Tarquinia, provincia di Viterbo ed è qui che la famiglia Pusceddu da anni propone un turismo enogastronomico di grande qualità, con un’attenzione estrema per le eccellenze del territorio e per un’ospitalità di assoluto livello.

Ma se fino a non molto tempo fa l’accoglienza era il core business dell’azienda gestita dai fratelli Mario e Franco Pusceddu, negli ultimi due anni è accaduto qualcosa che ha dell’incredibile.

La nostra è un’azienda con radici profonde, siamo la quinta generazione e il nostro focus è sempre stato sull’ospitalità nella nostra azienda – racconta Mario Pusceddu, CEO di Valle del Marta Fino a che, praticamente per caso, ci siamo “imbattuti” in un distillato di vino che avevamo dimenticato in alcune botti di rovere nella cantina di famiglia. Ovviamente lo abbiamo assaggiato e ci siamo guardati, a bocca aperta: a noi sembrava assolutamente squisito. Da lì, una botta di sana follia: abbiamo deciso di portarlo alla San Francisco World Spirits Competition del 2020 e abbiamo vinto la medaglia d’oro!’’.

A questo punto il Numa inizia a entrare nei radar degli appassionati del complesso universo dei distillati. Non sfugge il fatto che un brandy italiano sia riuscito a mettere in fila blasonatissimi colleghi, soprattutto francesi. Il Numa, questo è il nome dell’etichetta laziale in questione, attira l’attenzione di molti esperti. Ma anche un minimo di invidia, tanto è vero che molti attendono al varco i Pusceddu. Che all’edizione 2021 della competizione californiana si presenta con il “Numa, Secundus Rex”. Il risultato è ancora più sbalorditivo: il brandy di Tarquinia sbaraglia la concorrenza e ottiene addirittura la double gold, in pratica il massimo punteggio possibile in questo tipo di competizioni. Ed è di questi giorni la notizia che per il San Francisco World Spirits Competition 2022 Valle del Marta è in finalissima anche quest’anno con il Numa Gold Label ed i due amari RedBITTERcherry e BlackBITTERorange.

Siamo orgogliosi dei risultati ottenuti e determinati a continuare su questa strada – sottolinea Mario Pusceddu il nostro liquorificio, che era già prima di tutto questo un fiore all’occhiello per la nostra famiglia, continua a produrre una bellissima selezione di label che, oltre ai brandy, comprendono amari, grappe, sambuca e proposte per il mondo della mixology. E molte di queste etichette stanno rastrellando premi e riconoscimenti in Italia e nel mondo. Anche per questo abbiamo deciso di essere presenti, per la prima volta, a Vinitaly, manifestazione fondamentale per tutti coloro che si muovono nel settore del beverage”.

È cominciata così la storia di Valle del Marta, una storia che ha portato Mario e la sua famiglia negli ultimi 3 anni a partecipare a numerose competizioni, l’Alambicco d’Oro in Italia e il Campionato del Mondo del gusto degli alcolici di San Francisco, l’evento annuale interamente dedicato agli Spirts di qualità provenienti da 4 continenti, con una giuria di 56 membri esperti che negli ultimi due anni hanno riconosciuto all’azienda diversi importanti riconoscimenti.

PRODOTTI E PREMI:

Valle del Marta vanta una gamma di oltre 20 prodotti tra distillati e liquori, alcuni dei quali hanno ricevuto importanti premi. Cominciando con il Brandy Numa, un distillato invecchiato 25 anni, dal gusto armonioso che ricorda i più conosciuti Armagnac francesi, e che vanta la medaglia d’oro della San Francisco World Spirits Competition insieme alla sua riserva, il Numa Secundus Rex selezionato invece per il Double Gold, un premio riservato a ben pochi prodotti. Per entrambi non è mancato l’alambicco d’oro, la competizione nazionale che ha premiato i prodotti con un oro nel 2020 e 2021. Molto amate anche la Grappa Riserva Tarquinia, da lunghissimo affinamento in rovere e il loro speciale Amaro, infuso da un’antica ricetta di famiglia con oltre venti erbe raccolte nel territorio di Tarquinia che hanno visto riconosciutosi le medaglie di argento e di bronzo della SFWSC.

Potete trovare Valle del Marta allo stand 23 del padiglione Lazio

Articolo precedentePartita di calcio Monterosi – Virtus Francavilla, attenzione ai divieti di sosta
Articolo successivoFondazione: “Recuperare la fiera dell’Annunziata il 21 Maggio”