Alessandro Ruggieri

VITERBO – “Si tratta di un risultato molto importante non soltanto per tipologia e importo dei progetti finanziati ma perché segna un grande passo in avanti verso una reale collaborazione tra Università e mondo delle imprese che può segnare una svolta decisiva per lo sviluppo regionale; inoltre rappresenta un esempio per il metodo seguito, con una pianificazione di tempi e azioni che favorisce la programmazione delle linee di ricerca, che non si possono improvvisare”.

Questo ha detto tra l’altro il Rettore dell’UNITUS Ruggieri, parlando in rappresentanza del sistema universitario laziale come Presidente del CRUL. Ruggieri ha messo anche in evidenza l’importanza del coinvolgimento delle imprese e lo spirito di collaborazione tra tutte le università del Lazio. Il rettore dell’Università della Tuscia ha partecipato insieme con il presidente della Regione Nicola Zingaretti e l’assessore alle attività produttive Guido Fabiani alla presentazione a Roma dei progetti vincitori dei bandi per la reindustrializzazione della Regione Lazio. I progetti sono vincitori dei primi quattro bandi (su un totale di otto) della Regione per la reindustrializzazione e l’Industria 4.0: Mobilità sostenibile e intelligente, Life 2020, Aerospazio e Sicurezza e Bioedilizia e Smart Building. Oltre 50 milioni di euro per numerosi e rilevanti progetti di investimento per rilanciare l’industria nel Lazio, promuovendo innovazione e produzioni che intercettino le nuove necessità dei mercati mondiali.

L’incontro è stato aperto dall’assessore allo Sviluppo Economico e Attività Produttive, Guido Fabiani che ha evidenziato come questi quattro avvisi finanziano complessivamente 141 progetti grazie a un contributo messo a disposizione dalla Regione (fondi europei del Por-Fesr 2014-2020) di 51 milioni di euro che genererà sul territorio investimenti innovativi per circa 82 milioni. Si tratta dei primi risultati di un percorso iniziato circa tre anni fa, in parte ancora in corso, che ha come obiettivo quello di inserire il Lazio nella strategia europea e nazionale per l’Industria 4.0 e dargli una prospettiva di reindustrializzazione, inserita nelle catene globali del valore dell’economia contemporanea. Il Presidente Nicola Zingaretti ha chiuso l’incontro con un intervento nel quale ha messo in evidenza i risultati ottenuti dalla strategia regionale che sta consentendo di gettare le basi per una relazione più solida tra i principali attori del sistema produttivo: la Regione, le Università e le imprese. L’Università della Tuscia è risultata vincitrice di 7 progetti, sugli 11 presentati, con 4 dipartimenti e con la partnership di numerose imprese, un risultato straordinario a dimostrazione della qualità della ricerca e della capacità di innovare.

Commenta con il tuo account Facebook