VITERBO – E’ stato davvero delizioso ascoltare gli studenti del Liceo musicale “ Santa Rosa ” e del Liceo Ginnasio “ Mariano Buratti ” domenica pomeriggio uniti in un concerto presso la Chiesa del Gesù, nell’ambito della manifestazione di solidarietà “La città a colori”.

Diretti da una vera esperta di canto corale giovanile come la professoressa Antonella Bernardi, i due cori si sono esibiti separatamente. Per poi riunirsi in un brano finale. Le studentesse del Buratti, al loro debutto in pubblico, dopo appena tre mesi di corso hanno già dimostrato grande padronanza ed amalgama. Misurandosi con brani celebri della tradizione anglosassone, come Greensleaves e Scarborough Fair, o di altre tradizioni europee, come il divertente brano popolare “Il merlo ha perso il becco”, arrangiato a tre voci.

Il coro “Stand by me”, accompagnato alla chitarra dal prof. Gianluca Zappa e alle percussioni da Alessandro Anselmi, è appena nato grazie ad un finanziamento del Fondo Sociale Europeo presso il Liceo Buratti. Che già diversi anni fa si era distinto per l’istituzione di un laboratorio musicale. La prof.ssa Clara Vittori, dirigente scolastico, ha spiegato che è intenzione dell’Istituto di proseguire con questa attività. Che ha un valore non solo artistico, ma anche educativo e sociale.

E’ toccato poi ai più esperti studenti del coro “Juvenilis Harmonia” del Liceo musicale “S. Rosa” incantare il pubblico presente con brani sognanti. Come Moon River o Smile, dimostrando tutta la loro preparazione con un brano insidioso e complicato. La versione del maestro viterbese Gino Nappo del celebre “Je cherche la titine”.

Dalla due scuole un messaggio forte: i giovani di oggi possono essere coinvolti in attività sicuramente impegnative, che li gratificano e li aiutano a costruire insieme (anche appartenendo ad istituti scolastici diversi) momenti di autentica bellezza.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email