VITERBO – Dal 14-19 settembre si svolge la “Settimana dei Saperi”. Presso l’Università degli Studi della Tuscia tre Congressi nazionali di altrettante Società scientifiche: SISSCO, SIDEA e UZIonlus. Alto il valore scientifico. Occasione per far conoscere Viterbo ai convegnisti di tutt’Italia e dall’estero.

 

I convegni sono promossi dall’Ateneo e sono un evento speciale. Al via la “Settimana dei saperi”, in collaborazione con il Comune di Viterbo. All’evento è prevista un’adesione complessiva, di circa 700 partecipanti, principalmente studiosi e ricercatori, provenienti da tutta Italia e dall’estero, accompagnatori e simpatizzanti. Per tutti i congressisti sarà quindi un’occasione preziosa per conoscere ed apprezzare la città di Viterbo ed il suo territorio, con le bellezze naturali, artistiche e storiche che contraddistinguono la Tuscia. La collaborazione tra gli organizzatori dei congressi e l’Amministrazione Comunale ha permesso di elaborare un programma che offrirà ai congressisti l’opportunità di conoscere meglio ed apprezzare la nostra città e le sue peculiarità.

 

Congresso UZI Onlus
Il 76° Congresso nazionale dell’Unione Zoologica Italianaonlus (UZI) si terrà nei locali del Rettorato a S. Maria in Gradi, dal 15 al18 Settembre. L’UZI, fondata nel 1900, è una delle più antiche società scientifiche italiane. Attualmente annovera circa 300 soci, tra ricercatori di università e altri enti, docenti e studenti universitari. Il Congresso- che si articolerà in tre simposi scientifici ed una tavola rotonda (il 18 pomeriggio) aperta a tutti sulla “Fruizione della Aree protette marine e terrestri in Italia”- comprenderà conferenze plenarie e sessioni specifiche, presentazioni e poster che affronteranno in modo interdisciplinare i diversi aspetti del variegato mondo della zoologia e ne suggeriranno anche le possibili applicazioni pratiche in campo industriale e farmaceutico. La sera del giorno 15 il Palazzo Comunale sarà aperto ai congressisti che saranno ricevuti dal Sindaco.

 

Congresso SISSCO
La Società Italiana per lo Studio della Storia COntemporanea (Sissco), fondata nel 1990, promuove a Viterbo, in collaborazione con l’Università degli studi della Tuscia, l’ottava edizione dei Cantieri di storia, che si svolgerà negli spazi di Santa Maria in Gradi e del San Carlo dal 14 al 16 settembre. I Cantieri di storia si tengono dal 2001 a cadenza biennale. L’evento è oramai riconosciuto come il principale appuntamento in Italia degli storici dell’Età contemporanea. I Cantieri si propongono di favorire la discussione tra gli studiosi valorizzando la pluralità dei campi di ricerca, degli approcci metodologici e delle competenze specialistiche. I lavori si apriranno con una seduta inaugurale nell’Auditorium dell’Università della Tuscia e proseguiranno in forma di seminari tematici a sessioni parallele. I temi, proposti da gruppi di studiosi, sono stati selezionati da un comitato scientifico. L’edizione di quest’anno ospita 22 seminari, che impegneranno circa 130 relatori. Si prevede una partecipazione complessiva di circa 300 studiosi.

 

Congresso SIDEA
La Società Italiana di Economia Agraria (SIDEA) nel 2015 giunge ai suoi 54 anni di attività e si configura come un luogo di incontro scientifico per docenti e ricercatori, nonché per operatori pubblici e privati che in vario modo sono legati ai temi dell’economia e della politica agraria ed alle problematiche del mondo rurale e del sistema agro-alimentare. Il convegno annuale della SIDEA, giunto alla sua 52a edizione, quest’anno si intitola “Il valore del cibo: internazionalizzazione, concorrenza e territorio nel sistema agro-alimentare”e di svolgerà nelle due sedi della FAO di Roma e dell’Università della Tuscia a Viterbo. Sono previste tre giornate di lavori dal 17 al 19 settembre che vedranno la partecipazione di oltre 200 studiosi ed operatori. Il 17 settembre si terrà una sessione plenaria organizzata congiuntamente con la FAO che ha per tema centrale i problemi della sicurezza alimentare al livello globale. Il 18 settembre presso il Rettorato dell’Università della Tuscia in S.Maria in Gradi si tratterà invece delle problematiche legate all’organizzazione delle filiere agro-alimentari in numerose sessioni scientifiche, i cui lavori sono aperti a tutti coloro che vorranno partecipare . Il giorno successivo, i soci della SIDEA visiteranno il territorio della “teverina” e le iniziative realizzate dal GAL nell’ambito dei Programmi Leader dell’Unione Europea.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email