NEPI – Grandioso e travolgente successo al Teatro S. Pellegrino di Nepi della commedia “Sogno di una notte di mezza sbornia” messa in scena dall’Associazione Culturale La Nuova Torretta di Nepi per la Regia di Luciano Pazzetta.

 

Applausi a scena aperta e risate hanno travolto gli attori che hanno saputo interpretare magistralmente la sceneggiata Napoletana donandogli quella giusta carica di ironia da divertire amabilmente il pubblico.

 

Giorgio Risca, tornato di nuovo al Teatro, nella parte di Arturo Grifone è stato un trascinatore, Alessandra Bennici travolgente e dalle giuste caricature, Alessandra Alimelli precisa e puntuale nel suo personaggio, Elisabetta Taschini brillante e sorprendente come sorprendente e scoppiettante è Andrea Cresca nella parte di un giovane americano, Simone Bannella bravo nella parte del figlio di Arturo, una vera sicurezza Mario Bondi cameriere impeccabile, cinico e realista Alessio Adolini nella figura del dottore. Un gruppo ben affiatato ed assortito di vecchie e giovani glorie, che si è saputo muovere agevolmente sul palco ben diretti da Luciano Pazzetta che ha saputo trasmettere a tutti la sua passione teatrale.

 

Un tocco di magia all’apertura di ogni serata, l’ Associazione Culturale LA NUOVA TORRETTA ha omaggiato con un commovente video, Luca De Filippo recentemente scomparso.

 

Sogno di una notte di mezza sbornia è la storia di un povero facchino dal gomito facile con il vino, capo di una famiglia squinternata con una moglie bisbetica, sempre inviperita, con pochi soldi in casa, con un figlio incapace e una figlia bizzarra, un gruppo di persone strette intorno a lui solo per interessi personali.

 

Una storia che racconta l’ossessione per il gioco del lotto, la superstizione, condita di sogni e di credenze popolari. Una storia che è poi un’occasione di riflessione sul nostro modo di stare al mondo poi, soprattutto, c’è il finale che rilancia una sorpresa che non si consuma mai, fra gioco dell’esistenza e gioco della scena.

 

Una storia che inizia così: Arturo Grifone quando beve fa sogni strani, così da ricevere la “visita” di Dante Alighieri che durante il sogno rivela al pover’uomo che…il resto lo potrete vedere voi stessi infatti sono previte repliche Sabato 26 alle 17.30 e Domenica 27 alle 17.30 Al Teatro S.Pellegrino di Nepi.

 

E’ uno spettacolo da vedere, adatto per trascorrere una piacevole serata di svago teatrale. Una serata all’insegna dell’allegria molto divertente e il saper far ridere la gente in questi giorni è molto importante.

 

Si replica Sabato 26 alle 17.30 e Domenica 27 alle 17.30 Al Teatro S.Pellegrino di Nepi prevendita biglietti presso Edicola del Corso a Nepi altrimenti direttamente in biglietteria il giorno dello spettacolo.

Commenta con il tuo account Facebook