RONCIGLIONE – Sabato 23 maggio alle ore 17, presso la chiesa di S. Sebastiano a Ronciglione, organizzata dal Centro Ricerche e Studi, il prof. Enrico Anselmi, dell’Università della Tuscia, ha tenuto un’interessantissima conferenza di Storia dell’Arte su ‘Architettura e decorazioni barocche’, dedicata particolarmente alle vicende costruttive e di decorazione della chiesa di S. Sebastiano a Ronciglione, la cui fondazione è avvenuta in età romanica.

 

Particolare attenzione è stata posta nella trattazione delle addizioni quattrocentesche dei portali di accesso, con accento su quello maggiore, attribuito a Marco di Iacobuccio, alla realizzazione degli altari laterali – quello dedicato ai santi Cosma e Damiano, 1623-1625, commissionato dal cardinale Odoardo Farnese – , nonché alla ridefinizione barocca della parete di fondo del presbiterio. Evidenziate anche analogie strutturali e pertinenti all’apparato plastico con i prospetti della chiesa di S. Giovanni degli Almadiani a Viterbo e con la chiesa di S. Giovanni Battista a Firenze. Certamente, asserisce il prof. Anselmi, la facciata di S. Sebastiano ha costituito anche un precedente per la Collegiata di S. Clemente a Latera e per la Collegiata di S. Maria del Suffragio a Grotte di Castro, realizzata da Girolamo Rainaldi. Il prof. Anselmi ha inoltre messo in luce le linee di continuità con l’architettura tardo-manierista – altari della cappella della Madonna della Strada del Vignola e della cappella del Sacro Cuore di Gesù di Giacomo della Porta, entrambi presenti nella chiesa del Gesù di Roma – e le analogie, nella chiesa di Ronciglione, tra i rifacimenti barocchi al presbiterio – dove le preesistenti immagini pittoriche di S. Sebastiano, Santa Caterina e S. Rocco sono state inserite all’interno di una esuberante ornamentazione in stucco – con l’apparato decorativo della facciata di Santa Maria Maddalena di Giuseppe Sardi.

 

Salvatore Enrico Anselmi è dottore di ricerca in Memoria e materia delle opere d’arte, Università degli Studi della Tuscia. Studioso delle committenze nobiliari di età barocca in area centro-italiana, con particolare riferimento alle famiglie Giustiniani, Farnese e Maidalchini-Pamphilj, collabora con il Centro di Studi sulla Cultura e l’Immagine di Roma, diretto da Marcello Fagiolo e presieduto da Paolo Portoghesi. Ha tenuto insegnamenti di Storia dell’arte Moderna presso il corso di laurea in Conservazione e restauro dei beni culturali dell’Università della Calabria, presso l’Università di Bari-Ssis Puglia, presso il Tirocinio Formativo Attivo, moduli di Storia dell’Arte Moderna, Arte e Territorio Università degli Studi della Tuscia e presso il Dipartimento di Studi dei Beni Culturali e la Scuola di Specializzazione in Conservazione e Tutela dei Beni culturali dello stesso ateneo dove attualmente svolge attività di ricerca in collaborazione con la cattedra di Storia dell’Arte Moderna. E’ autore di numerose pubblicazioni.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email